Euro 2012: tiene banco la gaffe di Cassano sui gay

Cassano

La banalità non è sicuramente una caratteristica delle interviste rilasciate da Antonio Cassano, questo lo sapevamo. Altrettanto nota è la sua esuberanza che, fin troppo spesso in carriera, lo ha portato a dire o fare azioni oltre le righe. Una cosa simile è accaduta ieri, nell’intervista dell’anti-vigilia di Italia-Croazia. Stuzzicato dai giornalisti, Cassano ha parlato del Milan, con la delusione per il preannunciato passaggio del compagno Thiago Silva al Paris Saint Germain, della volontà di tornare un giorno alla Sampdoria, del compagno d’attacco preferito in nazionale, ma anche di omosessualità.

L’argomento è saltato fuori quando, durante la conferenza stampa, uno dei giornalisti ha parlato dell’ipotesi che tra i giocatori azzurri ci fossero dei gay e ha chiesto al barese cosa ne pensasse. “Ci sono froci in squadra? - ha detto Cassano senza rifletterci troppo -. Se penso a quello che dico, chissà che cosa vien fuori. Sono froci? Problemi loro, me la sbrigo così, sennò mi attaccano da tutte le parti. Son froci, se la vedessero loro. Mi auguro che non ci siano veramente in Nazionale”.

Parole che hanno subito scatenato attacchi sia da parte della comunità omosessuale che dal mondo politico, tutti che chiedevano scuse e spiegazioni ad Antonio Cassano. La replica del diretto interessato non ha tardato ad arrivare ed è stata più che sentita: “Mi dispiace sinceramente che le mie dichiarazioni abbiamo acceso polemiche e proteste tra le associazioni gay – ha detto Antonio Cassano -: ho solo detto che è un problema che non mi riguarda e non mi permetto di esprimere giudizi sulle scelte di altri, che vanno tutte rispettate”. Poi il barese ha precisato: “‘L’omofobia è un sentimento che non mi appartiene, oggi non volevo offendere nessuno e non voglio assolutamente mettere in discussione la libertà sessuale delle persone”.

Polemica chiusa, o quasi, ed ora la parola torna al campo, alla partita Italia-Croazia di giovedì 14 giugno, alle ore 18:00. Per la Nazionale di Prandelli, reduce dal buon pareggio per 1-1 con la Spagna, c’è bisogno di una vittoria e chissà che da questa vicenda Cassano non trovi uno stimolo in più per regalare agli italiani, indipendentemente dalla preferenze sessuali, la gioia di una vittoria europea.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Euro 2012: tiene banco la gaffe di Cassano sui gay