Formula 1: Alonso guarda già alla Malesia, Massa deluso

Partenza sprint per la Formula 1 che, archiviata la prima gara stagionale, già si prepara al weekend in Malesia, dove si prevede pioggia per tutti e tre i giorni sul circuito di Kuala Lumpur. In attesa di un nuovo rimescolamento dei valori in pista, dettati dalle particolari condizioni atmosferiche, i team fanno il punto sul primo vero confronto dell’anno. Il GP d’Australia, infatti, ha confermato solo parte dei valori espressi nei test, con McLaren e Red Bull capaci di confermarsi e Lotus e Mercedes chiamate all’esame di riparazione.

Benissimo Jenson Button, bravo con la sua guida pulita a mettersi alle spalle il campione del mondo in carica Sebastian Vettel e l’agguerrito compagno di squadra Lewis Hamilton, ma bene anche Fernando Alonso, quinto sul traguardo di Melbourne contro ogni pronostico. E dire che il pilota spagnolo, non fosse stato per una safety-car “troppo invadente” avrebbe anche potuto conquistare un ottimo quarto posto, finito invece delle mani del pilota di casa Mark Webber.

Abbastanza soddisfatto Fernando Alonso, consapevole del gap di questo inizio stagione: “Sapevamo che sarebbe stata una gara molto complicata e sono contento di averla conclusa con un buon bottino di punti - ha commentato il pilota asturiano -. Ho fatto una bella partenza e alcuni sorpassi nella prima parte e poi, dopo la safety-car, c’è stata la dura battaglia con Maldonado: quando ho visto che era uscito di pista ho tirato il fiato perché ormai era qualche giro che mi era davvero vicino: ero più lento di lui e dovevo soltanto cercare di difendermi, usando il Kers in alcuni punti specifici. Mi spiace per lui perché finire una gara così è davvero un peccato”.

Alonso elogia poi la squadra per il lavoro fatto in ambiti come partenza, pit-stop e strategia, ma avverte: “Dobbiamo lavorare ancora tantissimo per raggiungere quelli che ci stanno davanti come prestazione: non solo McLaren e Red Bull, ma anche Mercedes e Lotus. Siamo probabilmente a un secondo dalla pole e ci sono sette od otto squadre molto vicine fra loro”.

Se il pilota spagnolo è determinato e abbastanza soddisfatto, di umore opposto è Felipe Massa che arriva a Sepang, per il Gran Premio della Malesia, con un ritiro nella prima gara in Australia. Weekend storto per il brasiliano, mai competitivo, condizionato da una strategia di gara discutibile e finito fuori gara dopo uno scontro con Senna. “Un weekend davvero negativo per me - commenta Massa -. Già ieri ho sofferto a causa di un cattivo bilanciamento della vettura e oggi è andata forse ancora peggio perché dopo pochi giri ero in difficoltà con gli pneumatici. Avevo fatto una bella partenza ed ero riuscito a guadagnare diverse posizioni e speravo di poter concludere in zona punti. Abbiamo cercato di anticipare la prima sosta ma anche con il secondo treno di gomme Soft abbiamo avuto gli stessi problemi: la macchina scivolava e il degrado era molto maggiore rispetto agli altri … Dobbiamo capire perché non siamo riusciti a ritrovare il giusto bilanciamento della vettura, come lo avevamo ad esempio ai test di Barcellona”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Formula 1: Alonso guarda già alla Malesia, Massa deluso