Formula 1: Sebastian Vettel iridato a Suzuka, Alonso sfiora la vittoria

Sebastian Vettel su Red Bull

Solo ventiquattro anni e già due Campionati vinti: dove vuole arrivare Sebastian Vettel? Al pilota di Heppenheim è bastato il gradino più basso del podio di Suzuka per entrare nella storia della Formula 1 e per lui c’è già chi parla di un futuro in stile Michael Schumacher. I grandi team lo corteggiano e Vettel ammicca alla rossa di Maranello, ma oggi il futuro è alla Red Bull la vettura che lo ha consacrato nell’olimpo dei grandi piloti.

Eppure c’è qualcuno che sogna un dream team per il cavallino e chissà che ciò non possa avverarsi tra un paio d’anni. Chiare, in tal senso, sono le parole di stima da parte di Fernando Alonso, ottimo secondo in Giappone. “Complimenti a Sebastian! – esordisce il pilota spagnolo della Ferrari -Vincere due titoli iridati alla sua età, al termine di una stagione in cui ha fatto tutto – qualifiche, gare e quant’altro – in maniera perfetta è straordinario: si merita questo risultato”.

Ma l’asturiano deve guardare al presente e all’immediato futuro della rossa: “Da parte nostra non possiamo far altro che cercare di fare del nostro meglio il prossimo anno per batterlo. Oggi abbiamo dato il massimo e siamo arrivati vicino a vincere la gara. Sappiamo che in qualifica siamo dietro rispetto a Red Bull e McLaren ma in gara, quando ci sono delle varianti come il degrado degli pneumatici, allora possiamo sfruttare qualche opportunità. Qui gli altri andavano forte i primi cinque o sei giri poi noi ci riavvicinavamo molto. Questo podio rappresenta una bella motivazione per le ultime quattro gare della stagione. E’ stata una corsa divertente, in cui la strategia è stata molto importante. A differenza delle ultime gare, oggi avevamo il passo per lottare per la vittoria. Ci proveremo anche in Corea, dove andiamo a testa alta: proveremo a vincere o, almeno, a salire ancora sul podio.”

Giusto anche un tributo a Jenson Button, troppo spesso nell’ombra di Lewis Hamilton (quinto a Suzuka) in casa McLaren e autore di un finale di stagione straordinario. La vittoria del Giappone vale oro per Jenson e chissà che queste ottime performance non gli consentano di ritagliarsi un ruolo di protagonista all’interno della sua squadra.

  • Jenson Button – McLaren-Mercedes 1:30:53.427
  • Fernando Alonso – Ferrari +1.1 sec
  • Sebastian Vettel – RBR-Renault +2.0 sec
  • Mark Webber – RBR-Renault +8.0 sec
  • Lewis Hamilton – McLaren-Mercedes +24.2 sec
  • Michael Schumacher – Mercedes +27.1 sec
  • Felipe Massa – Ferrari +28.2 sec
  • Sergio Perez – Sauber-Ferrari +39.3 sec
  • Vitaly Petrov – Renault +42.6 sec
  • Nico Rosberg – Mercedes +44.3 sec

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Formula 1: Sebastian Vettel iridato a Suzuka, Alonso sfiora la vittoria