Formula 1: Vettel torna grande, Alonso prepara il ritorno in Europa

Sebastian Vettel su Red Bull

Il campionato 2012 di Formula 1 si conferma il più aperto delle ultime stagioni, con il discusso GP del Bahrain che vede salire sul gradino più alto del podio il quarto pilota in altrettante gare. Stavolta però, quel pilota è Sebastian Vettel, il dominatore delle ultime due stagioni e sin qui deludente insieme a tutta la Red Bull. Protagonista di una gara perfetta, Vettel è riuscito nel difficile compito di tenere a bada la scatenata Lotus, ottima seconda e terza con Raikkonen e Grosjean.

Detto del quarto posto di Mark Webber, compagno di squadra di Sebastian Vettel alla Red Bull, da segnalare la quinta posizione ottenuta da Rosberg. A una sola settimana dal trionfo in Cina, il pilota Mercedes incassa ben 55 secondi dal vincitore della gara ed è protagonista di alcune manovre un po’ azzardate ai danni di Lewis Hamilton e Fernando Alonso.

Ottima performance , invece, quella di Paul Di Resta con la Force India, sesto sul traguardo davanti a Fernando Alonso, con il ferrarista che porta a casa 6 punti preziosi per il campionato in vista del ritorno in Europa, dove la scuderia di Maranello potrà contare su importanti novità tecniche. Buona anche la gara di Felipe Massa, nono in Baharain dietro a Lewis Hamilton, ancora una volta tradito dai meccanici durante la sosta ai box.

Tornando alla Ferrari, nel team c’è un mix di soddisfazione e speranza. Chiusa con una vittoria e un buon bottino di punti la lunga trasferta di inizio stagione, Fernando Alonso può guardare al ritorno in Europa consapevole che sono in arrivo soluzioni che dovrebbero rendere la F2012 più competitiva anche sull’asfalto asciutto.

“E’ andata un po’ meglio di quanto temessimo e siamo riusciti a limitare i danni - ha spiegato Alonso al termine dl GP sul circuito di Sakhir -. Eravamo arrivati qui con un ritardo di otto punti dalla vetta del Campionato e ripartiamo con soltanto due lunghezze in più. Finire questa serie di quattro gare in questa posizione è positivo anche se, inutile nasconderlo, non possiamo essere complessivamente contenti”.

“Ora è chiaro che dobbiamo fare un passo avanti perché non è che possiamo sempre contare sulle disgrazie altrui – prosegue l’asturiano -. Ad esempio oggi abbiamo guadagnato punti sulla McLaren, una cosa a cui, se me l’avessero detta ieri, non avrei assolutamente creduto. Allo stesso tempo, abbiamo terminato la gara a quasi un minuto dal vincitore, il che non era mai accaduto quest’anno … L’ho detto prima, dobbiamo migliorare la macchina al più presto: a Barcellona (il 13 maggio, ndr) avremo delle importanti novità ma anche gli altri ne avranno e quanto saremo stati bravi lo scopriremo solo in pista al Montmelò”.

Infine, Fernando Alonso accenna alla mancata penalizzazione di Rosberg: “Posso soltanto dire che se invece di una via di fuga così ampia ci fosse stato un muro allora non so se saremmo qui a fare commenti”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Formula 1: Vettel torna grande, Alonso prepara il ritorno in Europa