Il running è uno sport in solitaria?

Running_jugo.it

Tra i tanti vantaggi che offre il running c’è sicuramente la possibilità di praticarlo ovunque: nelle più classiche piste d’atletica, così come nei parchi cittadini, sui sentieri di montagna o in un rilassato lungomare. Questo aspetto ha contribuito notevolmente all’attuale diffusione del running, praticato da un numero sempre maggiore di persone, che oltre a questa grande passione, condividono uno spazio e poco altro, perchè chi pratica il running si impone obiettivi che sono propri e non appartengono ad altri, il runner stabilisce la disciplina e la costanza necessarie per raggiungere la meta e modula le proprie caratteristiche a seconda del proprio equilibrio fisico e psicologico. Sì, quando si corre, si corre da soli e soprattutto durante le distanze più lunghe ciò che accompagna sono i pensieri, le sensazioni, le idee che scaturiscono dal paesaggio in cui si è immersi e che stimola con colori, suoni, odori.

Chi sceglie il running lo fa prima di tutto per confrontarsi con se stesso, per diminuire ulteriormente il tempo che divide dal raggiungemento di quell’ultima distanza, ma anche per sentire l’applauso all’arrivo e le grida d’incitamento del pubblico durante una competitiva, perchè dopo tanti chilometri, corsi in allenamento da soli o insieme al compagno di sempre, il runner cerca il confronto vero e reale degli eventi podistici e sente la necessità di superare, ancora una volta, il corridore che sta davanti.

La grande scia di partecipanti tipica di questi avvenimenti esercita una forza considerevole sul runner, che al suo interno, come un violino in una orchestra che accelera o diminuisce la melodia per stabilire il ritmo della musica, in un momento trasporta e subito dopo è trasportato, porta ed è portato, ma fin dallo sparo che sancisce l’inizio della corsa, è consapevole che il primo all’arrivo sarà solo uno.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Il running è uno sport in solitaria?