La montagna è sempre più giovane

giovani_in_montagna_jugo.it

 La montagna piace, attira, e si sveste di quell’immagine un po’ datata che le era stata cucita addosso fino a qualche anno fa.

Sono sempre di più i giovani e giovanissimi che nei week end lasciano le città per salire sui monti. O che addirittura chiudono con la loro vita cittadina per trasferirsi a quota 2.000, ma questa è un’altra storia, decisamente di nicchia. Qua parliamo invece di chi sale in montagna e fa sport per il corpo e per lo spirito.

Meno discoteche, più montagna: una tendenza decisamente in aumento, che sta ad indicare un nuovo modo di divertirsi, in crescita tra le nuove generazioni: il sabato sera non si va a dormire tardi e la mattina ci si sveglia presto, per faticare e gustare il piacere di vedere il mondo dall’alto. Effetto anche della crisi economica, che fa cambiare il modo di svagarsi, limitando le possibilità di tanti giovani. O della ricerca di qualcosa di diverso e meno artificiale, più schietto e genuino. La montagna torna in auge, vivendo una nuova epoca d’oro, un po’ come avveniva nei secoli scorsi, quando nacque “La giovane montagna” (www.giovanemontagna.org) o quando fu fondato il C.A.I. (www.cai.it).

Sudore in alta quota: In quota si possono praticare tantissimi sport diversi, immersi in uno scenario da sogno. Escursionismo, arrampicata, sky runnning, mountain bike, equitazione, sci: c’è sempre una proposta accessibile a tutti. Non serve essere degli “sportivoni”, basta avere la consapevolezza dei propri limiti e la voglia di liberarsi dallo stress e dalle tossine.

Sorvolando sugli sport più conosciuti e praticati (come lo sci di fondo o discesa), ecco alcune attività che stanno prendendo sempre più piede.

  • Un modo semplice per avvicinarsi alle vette è l’escursionismo: economico, salutare, rilassante. Questa attività è un’ottima base per qualsiasi altro sport, poiché aiuta a sviluppare dolcemente la muscolatura e potenzia resistenza e fiato. In Italia è pieno di percorsi tracciati, di diversa difficoltà. La scelta è davvero vasta. Una mappa nazionale la si può trovare su www.trekking.it o su www.altemontagne.it (specifico per le Dolomiti).
  • Per chi invece ha già il fiato della corsa nei polmoni, una proposta abbastanza estrema è quella dello sky running. Sono le corse in alta o altissima quota, che prevedono performance da veri iron man. L’attrezzatura necessaria è un po’ più costosa, perché richiede vestiti con materiali tecnici e scarpe di ottimo livello, leggere e molto avvolgenti. Le sky race sono le gare di questa disciplina. Alcune si svolgono addirittura sull’Himalaya, durano fino a una settimana, ad un’altitudine media di 4.000 metri. In Italia è attiva una Federazione nazionale (www.skyrunning.it) per avvicinare sempre più persone a questo sport e per organizzare gare ed eventi.
  • Resa famosa da personaggi del calibro di Messner e Bonatti, l’arrampicata è un’attività più accessibile di quanto appaia. Va praticata in estrema sicurezza, però, senza improvvisarsi alpinisti quando non lo si è. Prevede un discreto percorso per imparare i rudimenti e la tecnica, per questo è opportuno rivolgersi a guide preparate per affrontare le prime pareti scuola. In ogni città ci sono centri specializzati all’insegnamento di questa disciplina; una carrellata sull’argomento la si può trovare su www.arrampicataitalia.it. Questo sport aiuta a sviluppare molta potenza fisica ed è un toccasana per la mente: servono infatti tantissima concentrazione e calma interiore.

I rifugi: Infine, non meno degno di nota, uno sport (se così si può definire) che sta diventano la moda del momento: il “rifugismo”. Passateci il termine inventato, ma l’andare in rifugio sta diventando una vera e propria attività a sé (una mappa la si trova su www.rifugi-bivacchi.com). Si sale in montagna per svagarsi, senza il bisogno di raggiungere le alte cime, facendo passeggiate salutari e semplici. La meta è il rifugio. O meglio, la polenta e salciccia del rifugio; o la crostata fatta in casa; o il liquore di erbe alpine distillato dai gestori. Il cibo fa socializzare, da sempre. La montagna pure. Forse per questo i giovani salgono tra le vette. E se si aggiunge una notte (low cost) passata a dormire nel silenzio, in sacco a pelo, scaldati dalla legna nel camino, anche il locale cittadino più in perde il suo fascino.

 

Prenota Voli ed hotel con Expedia.it

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > La montagna è sempre più giovane