L’Italia vince ancora di misura: centrata la qualificazione agli Europei 2012

Cesare Prandelli

Cassano e compagni non brillano, ma basta una zampata dell’interista Pazzini per avere la meglio sull’arcigna Slovenia. Un po’ come accaduto con le Faer Oer, la Nazionale ha stentato e non poco a scardinare il muro difensivo eretto dagli avversari che, va detto, non hanno comunque rinunciato a rendersi pericolosi con minacciose sortite offensive.

Il risultato di 1-0, fotocopia di quello ottenuto nelle Isole, esprime il carattere di una Nazionale ancora indietro con la preparazione, ma decisa ad ottenere ciò che vuole. La qualificazione a Euro 2012, conquistata con due gare di anticipo, rappresenta un risultato storico per gli azzurri e tanto basta per essere soddisfatti. Il bel gioco, peraltro già mostrato dagli uomini di Prandelli, lo rivedremo quando tutti i calciatori saranno in condizione.

“E’ stato bello aver segnato proprio a Firenze – ha commentato Pazzini a fine gara – e per di più un gol importante come questo. Per me che in Nazionale ho segnato solo tre reti è stato importante, un modo per dire che ci sono anche io. E’ un messaggio per me, non per altri: il mister mi ha sempre chiamato, mi ha sempre tenuto in considerazione, però davanti c’è una coppia fortissima come Cassano e Rossi. Tra l’altro con loro mi sono trovato benissimo, anche se sono molto diversi: Cassano lo conosco alla perfezione, è più una seconda punta, mentre Rossi ama far gol, lo cerca, è una prima punta. Ma il merito è di tutta la squadra, ci abbiamo creduto, abbiamo cercato il gol fino all’ultimo”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > L’Italia vince ancora di misura: centrata la qualificazione agli Europei 2012