Marco Simoncelli, il mito vivrà per sempre nel #58

Il pilota romagnolo era amato da tutti, un eroe delle 2 ruote, un po’ rude nello stile di guida ma proprio per questo tanto adorato dai tifosi.

Le sue staccate al limite, la sua guida spettacolare insieme al suo essere così particolare, frutto di una capigliatura fuori dal normale e di una parlata esilarante tracciano il profilo del classico ragazzo della porta accanto a cui tutti hanno voluto bene.

Dal giorno della sua morte, il 23 ottobre 2011, il motociclismo è cambiato, soprattutto per il pubblico italiano, scosso e scioccato da quell’ingiusta fine. Tutti ricordano con tristezza le lacrime di papà Paolo e della fidanzata Kate, consci e disperati per la dinamica di quella fatalità che ha visto, suo malgrado, interessato anche l’amico di tante battaglie Valentino Rossi.

Nemmeno un anno dopo, la grande emozione della dedica del circuito di Misano al pilota di Coriano, e neanche 30 giorni dopo la dedica della Tribuna Arrabbiata del Mugello al mitico numero 58. Un ragazzo che ha davvero lasciato il segno e che forse con quella prematura e sfortunata scomparsa ha dato vita ad un mito. Nessuno vuole perdere il suo ricordo e la sua memoria, tutti vogliono mantenere nei propri cuori e nei propri pensieri l’immagine di quel ragazzotto alto dalla chioma folta e buffa.

E così, dopo quasi 3 anni, anche il numero del Sic, il mitico 58, sarà per sempre il suo numero, ritirato dalla FIM, che lo ha inserito nella Hall of Fame del Motomondiale. Ne sono state elogiate la personalità ed il carattere che hanno cambiato il motociclismo. Da lasciare senza fiato le parole del presidente della Federazione Internazionale di Motociclismo, Vito Ippolito, che ha confessato di non aver mai conosciuto un pilota come Marco, unico in ogni aspetto, dentro e fuori dalla pista.

Così il SIC58 entra nel mito e diventa leggenda. La sua memoria continua a vivere e continuerà a farlo per sempre nella storia delle 2 ruote.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Marco Simoncelli, il mito vivrà per sempre nel #58