MotoGP a Misano: Rossi e la Ducati tra presente e futuro

Valentino Rossi in griglia di fianco alla Ducati 46

Il weekend appena trascorso con la Formula 1 a Monza ha ribadito ancora una volta quale sia la passione degli italiani per i motori e, ancor di più, per piloti e costruttori di casa nostra. Un ulteriore conferma arriverà già dal prossimo fine settimana, quando a Misano scenderanno in pista i centauri del motomondiale, garanzia assoluta di spettacolo.

Ma il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, pur privo dell’infortunato Casey Stoner in MotoGP, presenta ulteriori elementi di fascino. Su tutti c’è il nome del circuito stesso, intitolato alla memoria del compianto Marco Simoncelli, mentre di grande richiamo è l’ultima esibizione italiana di Valentino Rossi in sella alla Ducati. Come in molti già sapranno, infatti, il dottore ha già annunciato il suo ritorno in Yamaha, pronto ad essere sostituito sulla Rossa ufficiale da Andrea Dovizioso che, salvo sorprese, non sarà l’unico italiano in sella ad una Ducati “certificata” da Borgo Panigale. Proprio a Misano, infatti, potrebbe arrivare l’annuncio di Andrea Iannone e Ben Spies quali piloti del team junior per la prossima stagione. Di che si tratta? Affidata al Team Pramac, sarà una seconda squadra corse Ducati e non un semplice team satellite. L’annuncio dovrebbe arrivare a breve, ma indiscrezioni e qualche ammissione degli stessi piloti, insieme alla voglia di riscatto della Ducati, non sembrano lasciare spazio a troppe interpretazioni.

Ducati che si rinnova, quindi, con Valentino Rossi che saluta il pubblico… almeno da ducatista. “Misano è una delle nostre due gare di casa, ci saranno tantissimi tifosi e l’atmosfera sarà speciale, come sempre quando si corre in Italia – ha commentato Rossi senza sfiorare il discorso dell’addio alla Ducati -. La pista è impegnativa e difficile ma mi piace molto, con sezioni davvero divertenti come quella dall’uscita dalla curva del ‘Tramonto’ ai curvoni veloci dopo il rettilineo posteriore. Dobbiamo lavorare bene in prova e cercare di fare una bella gara, combattere e giocarcela”.

I tifosi assiepati sulla tribuna della Variante del Parco tributeranno invece un bentornato a Nicky Hayden che, recuperato dall’infortunio di Indianapolis, torna in pista proprio davanti ai tifosi della Rossa: “Non vedevo l’ora di tornare in azione ma so che il prossimo fine settimana non sarà facile. La mia mano sta migliorando e una delle due fratture sta guarendo velocemente mentre la seconda è ancora piuttosto netta. In ogni caso sono riuscito a continuare il mio allenamento cardio e ho seguirò tutti i passi necessari per la riabilitazione, compresa una visita di check-up presso la clinica del Dott. Ting, in California. Il fatto è che la frenata, con queste moto, esercita una forte pressione sulla mano destra specialmente su piste che girano in senso orario come Misano. In ogni caso è una delle piste di casa della Ducati, mi piace e spero davvero di riuscire a fare la gara. Abbiamo avuto un po’ di contrattempi ultimamente ma cercheremo di invertire la rotta e portare a casa qualche bel risultato”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > MotoGP a Misano: Rossi e la Ducati tra presente e futuro