SuperMario Balotelli esulta: doppietta e Italia in finale con la Spagna

Italia sorpresa dell’Europeo di Polonia e Ucraina? Forse alla vigilia, ma visto il gran gioco espresso dagli azzurri è difficile chiamarci outsider. Dopo la grande prova con l’Inghilterra nei quarti, infatti, l’Italia di Cesare Prandelli sfodera una grande prestazione anche contro la Germania, super favorita della vigilia, mostrando un cinismo mai visto nelle prime fasi di Euro 2012. La strana coppia Antonio Cassano e Mario Balotelli stavolta funziona alla perfezione e, complice l’italo-tedesco Riccardo Montolivo, infila per due volte la difesa tedesca in 36 minuti. I tifosi non credono ai loro occhi e probabilmente nemmeno SuperMario che si lascia andare ad una doppia esultanza: prima sorrisi, baci e abbracci con l’assist-man Antonio Cassano e con il resto della squadra, poi togliendosi la maglietta mostrando il fisico scultoreo. Ammonizione automatica, ma a chi importava in quel momento?

Non ai tifosi, forse ai vari Buffon, De Rossi, Marchisio, Bonucci, Chiellini e Barzagli, senza dimenticare gli altri dal centrocampo in giù, che hanno risposto agli assalti dei panzer tedeschi senza soffrire troppo. Impossibile non concedere qualche occasione alla super- favorita Germania, ma le parate di Buffon e le chiusure sempre puntuali in difesa e a centrocampo hanno permesso al solito immenso Andrea Pirlo e al volenteroso Riccardo Montolivo di orchestrare al meglio il gioco, senza temere le ripartenze tedesche. Certo è che l’Italia ha mancato più volte il gol del 3-0, con Di Natale e Marchisio che non sono riusciti a mettere a segno la rete del KO, ma i minuti finali da thriller rendono la vittoria per 2-1 sulla Germania ancor più esaltante. La rabbia di Gianluigi Buffon a fine partita la dice lunga, però, su quanto gli azzurri abbiano rischiato dopo il rigore di Ozil, peraltro molto dubbio, e soprattutto su quanto la squadra tenga alla vittoria dell’Europeo.

Sconfitti i tedeschi, domenica 1° luglio incontreremo la Spagna nella finale di Kiev. Per noi e per gli spagnoli l’Europeo finisce con la stessa partita con cui è iniziato, 1-1 nell’esordio del girone, ma ora l’importanza del match è molto più grande. Quella che è già stata ribattezzata come la grande sfida del calcio balilla, rossi contro azzurri, mette in palio il titolo di Campione d’Europa, lasciato vacante dai campioni in carica spagnoli ma decisi più che mai a riprenderselo. L’Italia vista in campo nei quarti e in finale, ma anche all’esordio con la Spagna stessa, non ha comunque paura della Roja, solo rispetto.

A proposito di rispetto, un plauso va fatto alla sportività dei tedeschi durante e dopo la gara. Nonostante lo 0-2 iniziale, la squadra di Loew è rimasta con i nervi saldi e Germania-Italia è stata una partita corretta, in campo e nelle dichiarazioni finali, con l’ex milanista Oliver Bierhoff, accompagnatore della selezione tedesca, che si è distinto per signorilità salutando in diretta TV l’ex calciatore Stefano Borgonovo, di cui tutti conosciamo storia e forza d’animo. Una bella serata di sport.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > SuperMario Balotelli esulta: doppietta e Italia in finale con la Spagna