Valentino Rossi fiducioso: bene la Ducati Desmosedici GP12 a Sepang

Impegnati sul lavoro di messa a punto, più che sulla ricerca del tempo veloce,Valentino Rossi e Nicky Hayden hanno dato il via ai test 2012 della Ducati, insieme agli altri piloti della MotoGP. Il lavoro degli uomini di Filippo Preziosi, complice anche l’asfalto umido, è andato migliorando nel corso delle prove, giro dopo giro. Alla fine, Valentino Rossi (43 giri complessivi) ha chiuso al quinto posto, staccato di soli 0.735 secondi da Jorge Lorenzo, mentre l’acciaccato Nicky Hayden (soli 33 giri) si è dovuto accontentare del decimo tempo, a oltre 7 decimi dal Dottore.

Più che soddisfatto Valentino Rossi che, dopo aver postato le immagini della nuova Desmosedici GP12 su Twitter, ha potuto finalmente provarla in pista: “Sono contento perché il buongiorno si vede dal mattino e fin dai primi tre, quattro giri ho capito che la moto mi piaceva – ha spiegato il pilota di Tavullia a fine giornata -. In Ducati hanno fatto un ottimo lavoro in pochissimo tempo. La moto è bella e, soprattutto, si guida bene. E’ migliorata la posizione di guida, la frenata, l’entrata in curva. Posso frenare come piace a me, fare le traiettorie che voglio e in generale mi sento più a mio agio. Ho potuto guidare bene, senza errori e non è un caso, vuol dire che la moto si fa guidare. E’ più agile nei cambi di direzione, si impenna molto meno”.

Troppo presto per parlare di una stagione da protagonista e Valentino Rossi lo sa bene: “Certo, per vincere c’è ancora molto da lavorare, oggi siamo a 7 decimi e dobbiamo migliorare in diverse aree: accelerazione, elettronica, erogazione del motore e set up – commenta il Dottore -. Direi che una valutazione più precisa si potrà fare alla fine dei tre giorni perché ricordiamoci che la moto ad oggi ha 40 giri di vita. Andare via di qui con un secondo di distacco sarebbe ok perché comunque siamo consapevoli che c’è ancora tanto da fare”.

“Però una delle cose migliori che sono accadute oggi – conclude Rossi – è che la moto reagisce alle modifiche: questo ci ha permesso di abbassare uno due decimi ad ogni uscita e ci fa capire che possiamo progredire”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Nicky Hayden, ancora in fase di recupero dall’infortunio: “Abbiamo sicuramente fatto un passo in avanti per quanto riguarda il feeling con l’anteriore e con il comportamento della moto in frenata e in curva. Dobbiamo invece lavorare per ottenere più grip in piega e sul posteriore in entrata di curva. Infine dobbiamo mettere a punto l’elettronica. Per quanto riguarda la spalla faremo qualche trattamento e staremo a vedere come mi sentirò domani”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Valentino Rossi fiducioso: bene la Ducati Desmosedici GP12 a Sepang