Come scegliere l’ancora migliore per la propria barca

ancora

L’ancora è un oggetto fondamentale per chi va in barca. Senza, non riuscireste a bloccarla o ad arrestarne il moto. L’ancora si fa inveec scivolare sul fondale marino al quale si impiglierà, tenendo collegata l’imbarcazione tramite un cavo. Ma come scegliere l’ancora più giusta per la propria barca?

 Sfatiamo qualche mito

Innanzitutto esistono delle credenze non completamente veritiere sulle ancore. L’ancora universale, quella che andrà bene per ogni tipologia di barca, non esiste. Molto dipende dal fondale, dalle condizioni del mare, dalla distanza di eventuali ostacoli, o altre barche.

 Quali caratteristiche dovrebbe avere un’ancora

Avete bisogno di un’ancora che sia facile da estrarre, che occupi poco spazio o che resiste agli agenti atmosferici?
Le caratteristiche da valutare sono molte, e diverse tra loro. Tra quelle più importanti ci sono sicuramente la resistenza meccanica e alla corrosione. È importante che sia resistente, sia agli urti che al tempo. Inoltre deve essere funzionale, e avere una buona tenuta su diversi tipi di fondale. Ovviamente anche peso e forma sono fattori importanti. Pensate che dovete posizionarla e riposizionarla. Quindi deve essere facile da estrarre dal fondo e da stivare.

Le nuove ancore sono realizzate per offrire grande resistenza e affidabilità. Come le ancore in acciaio inox, che sono allo stesso tempo maneggevoli e permettono di essere stivate, perché piccole e leggere.

 Peso o disegno? Come capire se l’ancora è quella giusta

Come capire se il peso di un’ancora è adeguato a tenere ferma la nostra imbarcazione? Il peso deve essere considerato in funzione del fondale e del dislocamento della nostra barca.

Ma qual è il fattore più importante, quando si parla di una barca? È il peso o è il disegno? Ancore di disegno diverso, sullo stesso fondale, potrebbero avere una tenuta diversa e quindi richiedere pesi diversi.

 Come scegliere il modello giusto

Esistono diversi disegni, per le ancore. Ad ombrello, ad aratro e a marre piatte, sono quelle più famose. Quelle ad ombrello di solito vengono utilizzate sui gommoni e sulle imbarcazione più piccole, perché non hanno un grande rapporto di tenuta, ma sono molto maneggevoli.

Quelle ad aratro sono perfette per qualunque genere di fondale, ma sono più difficili da maneggiare. Per questo motivo non vengono utilizzate sulle imbarcazioni di piccole dimensioni.

Infine ci sono le ancore a marre piatte. Sono quelle più versatili e quindi anche le più utilizzate. Sono maneggevoli, ma non garantiscono una presa ottimale su fondali rocciosi.

I materiali

Al contrario di come si faceva in passato, quando le ancore venivano realizzate in ferro, oggi esistono altri materiali più leggeri che allo stesso tempo riescono ad offrire resistenza alla corrosione. Ad esempio l’ancora in acciaio inox è particolarmente resistente e inossidabile.

E voi, che ancora avete scelto per la vostra barca?

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Come scegliere l’ancora migliore per la propria barca