Jesi Cube: da ex zuccherificio a speranza per giovani imprenditori

Sette miliardi di persone nel mondo

Cosa c’entra lo zuccherificio? Il progetto Jesi Cube, presentato il prossimo 9 febbraio a nel corso di un convegno dedicato, si inquadra nel piano di riconversione dell’ex zuccherificio di Jesi (Ancona) e prevede un investimento da parte del Gruppo Eridania-Sadam di 1 milione di euro, più il comodato gratuito dell’immobile di 500 mq nel quale avrà sede l’incubatore.

Da una vicenda travagliata come la chiusura dello zuccherificio di Jesi, con polemiche e manifestazioni che si sono protratte per mesi, nasce dunque un progetto dedicato ai giovani e che coinvolge, oltre al Eridania-Sadam, anche il Comune di Jesi e l’Università Politecnica delle Marche.

Un futuro tecnologico per le imprese marchigiane. E’ questo l’obiettivo di Jesi Cube, un incubatore d’impresa che intende favorire la nascita di nuove aziendescience based” con validata potenzialità, supportandole nei primi anni di vita con servizi d’accompagnamento e tutoraggio, spazi attrezzati e ambienti di condivisione.

Abbiamo sin qui parlato di incubatore d’impresa, ma di cosa si tratta? Pratica già nota all’estero e in Italia, si può tradurre come “un selezionatore ed acceleratore di New. Co.”. Per accedervi è necessario formulare un’originale idea di business e proporre un business plan, dopodiché sarà l’incubatore a fornire molti degli strumenti necessari alla realizzazione e all’introduzione sul mercato.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Jesi Cube: da ex zuccherificio a speranza per giovani imprenditori