MacBook Pro con Display Retina: il laptop che non c’era

Cambiano le generazioni e il MacBook Pro si conferma la piattaforma ideale per le sperimentazioni di Apple. Dopo il case unibody, introdotto nel 2008, il portatile si impreziosisce ora del Display Retina da 15 pollici ad altissima definizione, grazie ai suoi 5 milioni di pixel: quasi il doppio rispetto alle TV HD attualmente in commercio. Una densità di pixel mai vista prima, almeno in un portatile, e che grazie anche alla tecnologia IPS consente ora un’esperienza ottimale, grazie alle migliorie introdotte in termini di riflesso, contrasto e angolo di visualizzazione.

Ma non c’è solo il nuovo Display Retina a rendere ‘major’ l’update a cui è stato sottoposto il MacBook Pro. Quello uscito dal WWDC 2012, infatti, è un portatile che affida la sua capacità di archiviazione alle sole componenti flash, con vantaggi sia intermini di velocità (fino a 4X rispetto agli Hard Disk tradizionali), di accesso contemporaneo alle informazioni, di affidabilità e di consumi energetici. La capacità massima di archiviazione è di 768GB.

Una tale configurazione non poteva che richiedere processori all’avanguardia e, infatti, sotto il guscio unibody di MacBook Pro trovano spazio i processori Intel Core i7 fino a 2,7 Ghz (quad core, TB fino a 3,7 Ghz). La sezione grafica, chiamata a supportare le esigenze del Display Retina, è affidata al chip NVIDIA GeForce GT 650M. Per quanto riguarda le altre caratteristiche tecniche, diciamo che la configurazione di MacBook Pro prevede fino a 16GB di RAM a 1600 MHz, prevede 2 porte Thunderbolt e altrettante USB 3.0, oltre a una nuova porta HDMI. Completano la dotazione: Wi-Fi 802.11n 3-stream, porta di alimentazione MagSafe 2, trackpad Multi-Touch in vetro e telecamera FaceTime HD, microfoni e altoparlanti. La tastiera è retroilluminata ed è di dimensioni regolari. Il sistema operativo preinstallato nel nuovo MacBook Pro è OS X Lion, ma è previsto l’aggiornamento gratuito a OS X Mountain Lion non appena questo sarà disponibile.

Il tono cambia quanto si parla di prezzi, in quanto questo concentrato di tecnologia in soli 1,8 cm di spessore e 2,02 kg di peso non rientra nella categoria dei low cost. Al contrario, per portarsi a casa un MacBook Pro con Display Retina occorrono almeno 2.299 euro (IVA inclusa) per la versione con processore Intel Core i7 a 2.3 GHz (Turbo Boost fino a 3.3 GHz), 8GB di memoria e 256GB di storage flash. Il prezzo sale a 2.929 euro per chi sceglie ancor più potenza e capacità di archiviazione: Core i7 a 2.6 GHz (TB fino a 3.6 GHz), 8GB di memoria e 512GB flash. I prezzi salgono ancora in caso di ulteriore upgrade per CPU, memoria o storage.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > MacBook Pro con Display Retina: il laptop che non c’era