Realizzare un biglietto da visita vincente: 5 regole d’oro

d47ac909c0a970e096897c18eef2bec2

La realizzazione di un biglietto da visita passa per una serie di fasi che includono ideazione, sviluppo e realizzazione fattuale della business card. Il biglietto da visita può rivelarsi un’arma vincente per promuovere la propria immagine di professionista. Scopri i 5 piccoli segreti per realizzare un biglietto da visita vincente!

Sii coerente

Prima di tutto, la business card deve essere coerente con l’immagine del marchio, la sua vision e il modo in cui essa è percepita dal pubblico. La scelta del font, dei colori, la forma del biglietto fanno parte di una visione d’insieme più ampia, la cui ottica è quella del branding: la business card deve essere intesa come parte integrante dell’identità del brand, in una visione compatta e armonica.

Abbi il coraggio di essere creativo

Anche attraverso una business card è possibile rompere con l’ordinario e lasciare il segno, basta avere il coraggio e la fantasia di personalizzare il biglietto da visita. Esistono infinite soluzioni, magari creando qualcosa di nuovo che, ad esempio, rievoca nella forma e nelle fantasie i prodotti aziendali. Lasciate correre la fantasia!

Cerca di essere chiaro e immediato

Le informazioni devono essere immediatamente accessibili e chiare. L’estetica non deve mai anteporsi alla funzionalità e la gestione dei dati deve essere eseguita nell’ottica della funzionalità. Inserisci le informazioni principali in alto e gerarchizza quelle successive in modo che quelle più importanti siano collocate più in alto.

Scegli il formato più adatto

Anche il tipo di carta gioca un ruolo importante nel definire la qualità della business card. Esistono tantissime alternative, da selezionare in base allo stile più adatto, all’estetica e alla praticità. Si consiglia di evitare quei tipi di carta che non permettono di scriverci sopra con una penna e valutate al meglio tutte le possibilità tra carta plastificata, patinata o vergata, opaca o lucida. E occhio anche alla grammatura: perché il biglietto non sembri dozzinale, si consiglia di non andare al di sotto della carta da 240 grammi.

Stampare in modo professionale

Accade spesso che un lavoro di ideazione e sviluppo grafico venga poi vanificato da una politica sulla stampa biglietti da visita orientata al risparmio, magari optando per la stampa fai da te. Niente di più sbagliato! La stampa è la concretizzazione di tutto il lavoro e deve essere eseguita da professionisti del settore che utilizzano apparecchiature di livello, altrimenti il risultato finale sarà visibilmente inadeguato, insufficiente, e trasmetterà anche all’esterno un’idea di debolezza.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Realizzare un biglietto da visita vincente: 5 regole d’oro