Il segreto dell’invisibilità è nel tempo: lenti creano un buco temporale

Occhi azzurri

Da secoli l’uomo è incuriosito dall’invisibilità, ovvero dalla capacità di esserci senza farsi vedere. Proprio per questo motivo, per anni gli studiosi si sono concentrati sullo spazio, realizzando prototipi in grado di nascondere gli oggetti alla vista utilizzando le capacità di rifrazione degli stessi e dell’ambiente che li circonda.

Nessuno, o forse pochi, avevano pensato che un simile risultato lo si sarebbe potuto ottenere anche nascondendo gli oggetti al tempo. Proprio così, perché i ricercatori della Cornell University hanno creato delle speciali lenti che creano qualcosa di molto simile ad un buco temporale (o temporal cloaking), in grado di nascondere il suo contenuto alle sonde elettromagnetiche.

Nel dettaglio, le due lenti che compongono il dispositivo si distinguono per le diverse capacità: una agisce sulla frequenza della radiazione luminosa aumentandola (blu) e l’altra la diminuisce (rossa). No, non si tratta di vecchi occhiali per il 3D al cinema, ma di un “trucchetto” per creare una sorta di vuoto nel mezzo dei due processi e che rende invisibile l’oggetto.

Da sottolineare che tra gli autori dello studio della Cornell University, pubblicato sulla rivista scientifica Nature, figura anche l’italiano Alessandro Farsi.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Il segreto dell’invisibilità è nel tempo: lenti creano un buco temporale