Steve Jobs e il ritratto poco lusinghiero dell’FBI

iPhone

Le celebrate visioni di Steve Jobs non erano tutta farina del suo sacco? La domanda è d’obbligo, almeno dopo aver letto il dossier dell’FBI sull’ex CEO di Apple, realizzato alla vigilia del suo possibile ingresso nell’US President’s Export Council, l’organizzazione governativa americana che raccoglie esperti di commercio internazionale.

Steve Jobs non fu mai scelto per quel ruolo ed i motivi sono da ricercarsi in quel rapporto di circa 200 pagine, pubblicato dal WSJ per il Freedom Information Act, in cui l’allora dirigente NeXT veniva indicato come un uomo con un passato caratterizzato da problemi di droghe, non solo leggere, e dai difficili rapporti personali.

In particolare, a Jobs veniva contestato il fatto di non aver riconosciuto la paternità della figlia Lisa, nata nel 1978 dalla relazione con la pittrice Chris Ann Brennan. Ma il 1991, quando fu stilato il dossier, fu anche l’anno del matrimonio con Laurene Powell, nozze che furono officiate da un monaco buddista.

Stravagante, libertino e addirittura disonesto (almeno secondo alcuni dei testimoni sentiti dall’FBI): decisamente troppo per l’amministrazione repubblicana di George Bush. In particolare, il dossier parla di un uomo “che può distorcere la verità e la realtà, pur di perseguire i suoi obiettivi” e che da giovane ha fatto uso di droghe, Lsd compresa. Se parte di queste “verità” erano già contenute nella recente biografia di Walter Isaacson, di particolare interesse risulta invece un fatto risalente al 1985, quando Steve Jobs e Steve Wozniak furono vittime di un ricatto con minacce di pesanti ritorsioni.

Ad ogni modo, il dossier non riporta solo i lati oscuri della personalità di Steve Jobs, ma mette in risalto la crescita di un uomo che ha commesso peccati di gioventù, ma ha saputo superarli con il lavoro e la genialità che tutti gli riconoscono. Eppure, ciò non bastò a farlo entrare nell’US President’s Export Council.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Steve Jobs e il ritratto poco lusinghiero dell’FBI