Wii U – L’addio di EA manda Nintendo nel caos

ea-wii-u_jugo.it

Quando nel Giugno del 2011, nel pieno dell’Electronic Entertainment Expo, Electronic Arts annunciò l’inizio di una “partnership senza precedenti” con Nintendo per contribuire alla crescita del Wii U, in molti cominciarono a credere che, forse, la suddetta console avrebbe potuto ottenere un successo pari, se non addirittura superiore, a quello del suo predecessore, il “vecchio”Wii.

Nei suoi primi mesi di commercializzazione, il Wii U ha tuttavia riscosso un successo di molto inferiore alle aspettative e questo, complici le pessime vendite di FIFA 13Need for Speed: Most Wanted e Mass Effect 3, ha inevitabilmente incrinato i rapporti tra le due aziende, portando Electronic Arts a rinnegare la promessa di “amore eterno”, pronunciata solo due anni prima nei confronti di Nintendo.

Al momento non abbiamo alcun prodotto in fase di realizzazione per Wii U, né prevediamo di averne nel prossimo futuro“, ha dichiarato un portavoce di Electronic Arts, gettando nello sconforto non solo la stessa Nintendo, ma anche tutti coloro che si erano illusi di poter vedere videogiochi come FIFA 14, The Sims 4 e soprattutto Battlefield 4 su Wii U.

I margini per una riconciliazione sembrano dunque non esserci, soprattutto dopo le parole di Bob Summerwill, software engineer della stessa EA, apparse su Twitter proprio in questi giorni: “Il Wii U è una console pessima, meno potente dell’Xbox 360 e con un online completamente da rivedere. Nintendo ormai è senza speranze, farebbero meglio ad accordarsi con Sony o Microsoft per portare le serie di Mario e Zelda in esclusiva su PlayStation 4 o sulla prossima Xbox“.

Le polemiche, ovviamente, non si sono fatte attendere, ma almeno per ora, Nintendo si è rifiutata di rilasciare dichiarazioni ufficiali in merito all’intera vicenda, trincerandosi dietro ad un immancabile “no comment”.

In questo clima di assoluto caos, le cui effettive ripercussioni restano un’incognita, resta dunque un’unica certezza: il futuro del Wii U appare quantomai incerto e questa volta, con buona pace dei tradizionalisti, Mario, Zelda, Donkey Kong e Metroid potrebbero anche non bastare.

Appassionato di Tecnologia?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Tecnologia:

    Ancora nessun commento

JUGO > Tecnologia > Wii U – L’addio di EA manda Nintendo nel caos