La ragazza con l’orecchino di perla in mostra a Bologna

Nella cornice dell’elegante Palazzo Fava di Bologna si svolge in questi giorni una mostra esclusiva, dal fulcro artistico enigmatico quanto potente: “La ragazza con l’orecchino di perla”, capolavoro di Johannes Vermeer, ne è protagonista indiscussa e dà il nome all’esposizione.

Dopo aver fatto tappa in Giappone e negli Stati Uniti approda a Bologna, complice l’importante ristrutturazione che la sede ufficiale del dipinto ‒ il Mauritshuis dell’Aia ‒ sta subendo, e che lo terrà chiuso fino all’estate. Bologna ha accordato il prestito della tela e di altre 37 opere appartenenti al periodo d’oro della pittura olandese. Ne risulta un corpus organico, che ben delinea l’epoca e i suoi maggiori esponenti.

La mostra è divisa in 6 stanze: dopo la prima sala, che si concentra sulla storia del museo Maurithuis e sul progetto del rinnovamento, abbiamo le sale dei paesaggi, dei ritratti, degli interni con figure e delle nature morte, che racchiudono dipinti collegati ad ogni soggetto pittorico. Qui è possibile ammirare opere di artisti famosissimi come Rembrandt van Rijn, Frans Hals, Gerrit Van Honthorst e tanti altri. Ma l’ultima sala è dedicata solo alla “gioconda d’Olanda”. Se pensate che tutto questo clamore per un dipinto sia eccessivo avrete la possibilità di ricredervi.

Nell’olanda del 1600 la pittura rispecchiava un mondo in evoluzione: cambiava la pratica pittorica e cambiavano i soggetti. Con l’ascesa della borghesia non venivano più ritratti solo personaggi importanti, ma anche gente comune. Per cui non stupisca che Vermeer abbia scelto una sconosciuta. Tracy Chevalier ha fantasticato sulla provenienza della giovane, e così anche il film ispirato al suo romanzo, uscito nel 2003: entrambi la collocavano come serva dei Vermeer. Ma la realtà è un’altra e forse poco importa chi fosse. Quel che importa è cosa vedono i visitatori, e in quell’ultima sala vedranno uno sguardo intenso ed enigmatico, un’atmosfera e una luce particolari, che non solo permettono di riconoscere in Vermeer un talento indiscusso, ma rendono il dipinto unico e assolutamente meritevole del suo successo .

L’esposizione continuerà fino al 25 Maggio 2014 a Palazzo Fava, in via Indipendenza a Bologna. Per ulteriori informazioni visitate il sito internet www.genusbononiae.com oppure www.lineadombra.it

Prenota Voli ed hotel con Expedia.it

Appassionato di Viaggi & Eventi?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Viaggi & Eventi > La ragazza con l’orecchino di perla in mostra a Bologna