Una visita alle Roncole per il bicentenario verdiano

Giuseppe_Verdi_jugo.it

Le Roncole, frazioncina facente parte del comune di Busseto, ha un legame talmente profondo con il suo illustre figlio che ne ha pure assorbito e fagocitato  il nome chiamandosi, oggi, Roncole Verdi.

Giuseppe Verdi nacque alle Roncole di Busseto il 10 ottobre del 1813;  in quei giorni la regione che avrebbe dato i natali ad uno dei più illustri italici non apparteneva ancora all’Italia, ma faceva parte di un territorio di occupazione francese; questo però è solo un curioso dettaglio.

Lungo la strada provinciale che collega Le Roncole ai vari comuni e alle piccole frazioncine, in località Soragna, si erge la casa natale del “cigno di Busseto” che attira, ogni anno, migliaia di appassionati melomani. “Una casa povera, bassa e lunga, un po’ sghemba” come la descrive Giuseppe Barigazzi nel suo libro “Verdi-La vita-Le opere”. Dal fascino unico. Da visitare assolutamente! 

Nel 2013 sarà meta di pellegrinaggio da parte di melomani provenienti da tutto il mondo!

Chi si reca alle Roncole lo fa intenzionalmente per visitare i luoghi “verdiani”.  Sembra che questa terra abbia gelosamente nascosto, conservato e custodito per secoli nelle sue viscere l’embrione ed il seme di un grandioso progetto, informe ed indefinito, per trasferire ed infondere tutto e solo sul suo  glorioso beniamino.

Sì, perché è arduo trovare ulteriori plausibili motivazioni che non siano, appunto, fortemente legate all’interesse per il musicista e per la musica lirica in generale, per visitare Le Roncole Verdi, una terra avvolta per gran parte dell’anno dalla nebbia, lavorata con cura da abili e generosi contadini e baciata come poche dalla dea musica, che è assai più intelligente ed interessante della dea bendata.

In realtà un’altra “chicca” da visitare c’è: non molto distante dalla casa museo troviamo la chiesa di San Michele Arcangelo. Da vedere assolutamente l’organo conservato all’interno, sul quale il piccolo Giuseppe ebbe modo di strimpellare le sue prime note.

Forse non vi siete mai interessati all’opera lirica e a Giuseppe Verdi in particolare; quest’anno  (bicentenario della nascita)  può essere l’occasione giusta per organizzare una vacanza in Emilia Romagna, portare i vostri figli al parco Mirabilandia e programmare, perché no, anche una visita culturale alle Roncole Verdi. L’esperienza potrebbe fornire il non trascurabile spunto per iniziare ad ascoltare L’Aida o La Traviata alternandoli ai soliti ed abituali ascolti passivi di scadente musica commerciale.

Prenota Voli ed hotel con Expedia.it

Appassionato di Viaggi & Eventi?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Viaggi & Eventi > Una visita alle Roncole per il bicentenario verdiano