займ на карту онлайнкредит онлайн рко
Существует масса вариантов получить деньги от мфо, разумеется, только в том случае, когда вам одобрили займ. Естественно, что самым популярным является займ на карту. Но часто можно увидеть, как клиенты выбирают займы на киви, так как у такого рода электронных кошельков есть ряд преимуществ перед классическими вариантами получения суммы микрозайма.

Si può vendere una casa donata in maniera sicura?

notai del nostro Paese domandano un’estensione dei patti di famiglia e maggiore sicurezza per le procedure relative alle donazioni di beni immobili. In tali ambiti, in effetti, si riscontrano ancora criticità che il Consiglio Nazionale del Notariato intende risolvere: proprio per questo motivo ha messo a punto un piano di riforma che potrebbe modificare, anche se solo in misura parziale, lo scenario.

I problemi relativi alle donazioni di beni immobili

Per quanto concerne i beni immobili che vengono donati, il Notariato ha posto l’accento sui problemi di circolazione che si possono verificare nel momento in cui un soggetto desidera vendere casa donata, magari dopo molto tempo rispetto alla data della donazione e con il donante che non è ancora deceduto. Il report Dati Statistici Notarili mette in evidenza che nel 2017 nel nostro Paese sono poco più di 135mila le donazioni immobiliari che sono state sottoscritte, vale a dire 4mila in meno rispetto all’anno precedente. Il trend, comunque, non è in calo, perché il primo semestre del 2018 – per esempio – ha messo in mostra un aumento delle donazioni della nuda proprietà di fabbricati del 4% e delle donazioni di fabbricati del 5%.

La riforma del diritto ereditario

Per il Consiglio Nazionale del Notariato è arrivato il momento di provvedere a una riforma del diritto ereditario, dal momento che il diritto di famiglia, a partire dalla legge n. 151 del 1975 in avanti, si è evoluto – o, secondo un’altra prospettiva, involuto – in direzione di una multiformità, ma soprattutto di una maggiore instabilità, delle relazioni parentali. Lo dimostrano la registrazione delle convivenze e le unioni civili, ma anche la degiurisdizionalizzazione dei procedimenti di separazione e divorzio e l’introduzione del divorzio breve: sono tutte circostanze che, al di là dei giudizi politici sul merito, richiedono una rivisitazione del diritto ereditario, alla luce dei cambiamenti che stanno interessando l’essenza stessa della famiglia.

Il progetto di riforma

Quali sono, allora, i punti fondanti del progetto di riforma che è stato sviluppato dal Consiglio Nazionale del Notariato in relazione alle donazioni di beni immobili? Si comincia con la revisione della qualificazione del diritto alla legittima in qualità di diritto di credito a una parte del patrimonio ereditario – o, per essere più precisi, del suo valore -. Tale diritto può essere assecondato con ogni genere di bene, non per forza ereditario. Una riforma di questo tipo avrebbe il merito di andare oltre le criticità riguardanti la negoziazione di beni ricevuti attraverso una donazione.

Il divieto dei patti successori

Il divieto dei patti successori, o almeno di quello rinunciativo, secondo i notai dovrebbe essere messo da parte, come per altro è già avvenuto nel diritto austriaco, in quello tedesco, in quello francese e in quello svizzero. In questa prospettiva, sarebbe opportuno che ai presunti futuri eredi venisse permesso di rinunciare alle proprie attese in relazione a specifici beni appartenenti al coniuge o a un ascendente.

L’estensione dell’ambito di applicazione del patto di famiglia è un’altra delle richieste che vengono avanzate dai notai, con la prospettiva di favorire la pianificazione concordata dei trasferimenti all’interno della famiglia e di consentire il passaggio generazionale della ricchezza. Il patto di famiglia, infatti, oggi può essere applicato solo per le quote societarie e per le aziende, mentre sarebbe auspicabile che esso coinvolgesse anche beni non produttivi. Inoltre, per i notai è importante che si proceda in direzione di un patto che consenta il coinvolgimento del patrimonio di tutti e due i genitori.

Appassionato di Casa & Hobby?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it