Attrezzature per il cantiere: tipologie e utilizzi in edilizia

Operai al lavoro mentre utilizzano attrezzature per il cantiere

Le attrezzature per il cantiere rappresentano il punto di inizio di ogni creazione strutturale, essenziali in quanto permettono di procedere all’opera in modo sicuro e celere. Elementi del tutto essenziali nella cantieristica moderna in ciascuna fase del lavoro, essi ricoprono con efficienza e sicurezza ogni ambito di necessità lavorativa, dalle carrucole per il sollevamento dei carichi ai ganci per ancorare i ponteggi. Un buon lavoro richiede ottime attrezzature.

Attrezzature per il cantiere: tipologie e ambiti d’impiego

La vasta gamma di attrezzature per il cantiere permette di soddisfare le esigenze di ogni cantiere edile, dalla messa in sicurezza per operai e utenti vicini alla velocizzazione e agevolazione del lavoro edile in sé. La fase iniziale della cantieristica si occupa della delimitazione dell’area di lavoro, in rispetto della sicurezza degli utenti non addetti ai lavori e agli operai. In questo campo, vengono in aiuto le transenne, realizzate in acciaio e disponibili in vari modelli, a loro volta catalogati in varie fasce di prezzo, garantiscono la massima resistenza alle problematiche dell’ambiente e la massima efficienza nell’inibire il passaggio ai non addetti a lavori. La modularità delle transenne consente la delimitazione di aree virtualmente infinite. Di questo settore fanno parte anche le recinzioni da installare in ponteggi e parapetti temporanei, necessari per proteggere l’ambiente lavorativo da cadute accidentali delle attrezzature. Disponibili in varie misure, le recinzioni risultano applicabili con rapidità ed efficienza alle proprie attrezzature impiegate. Le carrucole per il cantiere, robuste e facili da installare in ogni ambiente lavorativo, rappresentano la soluzione più immediata e sicura per il sollevamento sicuro e rapido di carichi da un piano all’altro.

Attrezzature per il cantiere: materiali di realizzazione e vantaggi

Le direttive internazionali, tra cui Direttiva 2006/42/CE, c.d. Direttiva Macchine, richiedono il massimo rispetto. Per far sì che ciò sia concretamente possibile, le attrezzature per il cantiere, data la loro principale sistemazione in luoghi esterni, sono realizzate in materiali resistenti agli urti meccanici e alle condizioni atmosferiche avverse, come l’acciaio inossidabile, ulteriormente irrobustito mediante una fase di zincatura a caldo. Tale resistenza si rivela particolarmente vantaggiosa data la garantita durata nel tempo dell’attrezzatura e la contemporanea semplice manutenzione da essa richiesta, connubio che corrisponde a un non elevato investimento iniziale che comporta un abbattimento dei costi in futuro.  Per dare la possibilità a ogni professionista di poter adeguarsi alle conformità di sicurezza internazionale nei cantieri edili, sono disponibili delle efficienti soluzioni certificate per ogni tipo di budget.

Appassionato di Imprese & Lavoro?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Imprese & Lavoro:

    Ancora nessun commento