Guida alla scelta del portone industriale

Che si tratti di un portone scorrevole o di una serranda, il portone industriale ideale è quello che riesce a coniugare il massimo della funzionalità con i più alti standard di sicurezza, meglio ancora se all’insegna dell’efficienza energetica. Le soluzioni di Trivellato rappresentano un ottimo punto di riferimento da questo punto di vista, indicate per tutte quelle strutture logistiche in cui è necessario chiudere, sia internamente che esternamente agli edifici, i varchi in modo pratico e sicuro. Sin dal momento della progettazione occorre avere un’idea ben precisa del tipo di impiego a cui i portoni industriali saranno destinati, così che essi possano essere scelti con attenzione e in maniera oculata.

La funzionalità di un portone industriale

Quando ci si mette in cerca di un portone industriale, dunque, non si può fare a meno di pensare all’utilizzo che ne verrà fatto e al tipo di contesto in cui dovrà essere collocato, senza dimenticare i requisiti di sicurezza prescritti dalle normative in vigore. Essere consapevoli del settore in cui si opera permette, d’altro canto, di conoscere le caratteristiche e le necessità dell’edificio, anche per ciò che riguarda il comfort e la frequenza di apertura. 

A proposito di sicurezza, in particolare, la normativa di riferimento a livello europeo è la EN 13241-1, dalla quale vengono disciplinati i requisiti che devono essere rispettati sul fronte delle prestazioni delle chiusure – siano esse manuali o automatizzate – in ambito pubblico, in ambito commerciale o in ambito privato. I portoni, quindi, devono essere progettati, realizzati e installati sulla base di tali requisiti: per esempio devono essere in grado di bloccarsi in modo automatico nel caso in cui venga ravvisata la presenza di oggetti o persone; inoltre, devono riuscire a evitare il contatto, tramite una inversione di marcia, o comunque a limitare la propria forza nel caso in cui esso non possa venire evitato. La presenza della marcatura CE è una garanzia di qualità e di affidabilità, ma soprattutto consente di avere la certezza che tali disposizioni siano rispettate.

L’efficienza energetica

Un altro aspetto che è opportuno considerare nella scelta è l’efficienza energetica, sia per ragioni ecologiche che per motivi economici: ci troviamo, infatti, in un’epoca che è caratterizzata da prezzi sempre più alti per l’energia da riscaldamento, mentre diventano sempre più stringenti e rigorose le disposizioni del regolamento sul risparmio energetico. In questo scenario, usufruire della migliore coibentazione termica possibile è quasi un obbligo a cui non ci si può sottrarre: ciò vuol dire che sulla facciata esterna i portoni devono risultare coibentati nel migliore dei modi, impedendo la dispersione del calore interno. In specifici settori industriali, per altro, le prestazioni energetiche sono di fondamentale importanza sul piano della competitività.

Le altre caratteristiche dei portoni industriali

La valutazione delle altre caratteristiche di funzionalità dei portoni industriali varia anche a seconda degli impianti e degli edifici a cui essi sono destinati: è chiaro, per esempio, che in un magazzino che fa parte del settore logistico c’è da tenere conto di un numero elevato dicicli di apertura ogni giorno, e pertanto occorre puntare su prodotti che riescano ad assicurare prestazioni affidabili sotto questo profilo. Nel caso in cui la frequenza di apertura dei portoni sia limitata, d’altro canto, il consiglio è quello di puntare su chiusure che siano caratterizzate dalla presenza di una piccola porta pedonale, che consenta il transito delle persone.

Insomma, sul mercato le proposte che possono essere considerate sono tante – dai portoni con impacchettamento a libro ai portoni a scorrimento rapido, dalle serrande avvolgibili ai portoni scorrevoli -: ecco perché è importante studiare con cura le caratteristiche, le potenzialità e i punti di forza di ognuna di esse.

 

Appassionato di Imprese & Lavoro?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Imprese & Lavoro:

    Ancora nessun commento