займ на карту онлайнкредит онлайн рко

Quando è necessario contattare un notaio?

La figura del notaio è spesso associata, nell’immaginario collettivo, a un dispendio economico importante. Ma quali sono le occasioni in cui si ha bisogno di un professionista di questo tipo? In primo luogo è bene sapere che il notaio è, per la legge, un pubblico ufficiale il cui compito è quello di ricevere gli atti tra vivi, come per esempio gli atti societari, i mutui, le divisioni, le permute, le vendite e così via. Come noto, però, i notai si occupano anche degli atti di ultima volontà, vale a dire i testamenti. In qualunque caso, la loro mansione è quella di attribuire agli atti pubblica fede per poi garantirne la conservazione e, in caso di necessità, fornire delle copie. L’articolo 1 della legge notarile fa riferimento anche alle copie parziali, che prendono il nome di estratti, e ai riassunti, che sono certificati.

Gli atti notarili

Tutti gli atti che vengono redatti da un notaio sono degli atti pubblici, dal momento che ogni professionista di questo ambito viene autorizzato direttamente dalla Legge della Repubblica Italiana ad attribuire a ciascun atto pubblica fede. L’efficacia legale degli atti ne è la conseguenza più immediata: ciò che viene attestato dal notaio all’interno di un atto notarile fa piena prova, sempre che non venga riscontrato un reato di falso. Che cosa vuol dire che un atto fa piena prova? Semplicemente che esso va ritenuto vero, anche in occasione di un processo.

Il ruolo del notaio

In ordinamenti diversi da quello italiano, il solo ruolo del notaio consiste nell’autenticare le sottoscrizioni delle parti. Nel nostro Paese, invece, egli ha anche altre mansioni: per esempio è tenuto ad accertare la volontà delle parti e a trovare lo strumento giuridico più appropriato, cioè quello che consente di realizzare il loro scopo nel migliore dei modi. Il notaio è responsabile anche della conformità di ciò che le parti stipulano secondo le norme di legge, in modo tale che possa essere assicurata l’efficacia degli atti. Occorre, in ogni caso, che il notaio mantenga una posizione di totale terzietà nei confronti dei soggetti chiamati in causa.

La responsabilità fiscale

Se si ha bisogno di una figura notarile, si può navigare tra le pagine del sito Notaio studio per vedere soddisfatte le proprie esigenze. Non bisogna dimenticare, tra l’altro, che il notaio ricopre un ruolo di grande rilevanza anche per ciò che concerne la riscossione delle imposte, con riferimento in particolare a quelle indirette che si applicano agli atti che vengono autenticati da lui o che egli si limita a ricevere. Proprio in virtù di tale prerogativa il notaio deve essere considerato responsabile di imposta, il che vuol dire che deve pagare allo Stato i tributi in vece delle parti che si avvalgono del suo ministero per porre l’operazione in essere.

Che cosa è cambiato dopo il 29 agosto del 2017

A partire dal 29 agosto del 2017 è entrata in vigore una novità importante per il mondo dei notai: da quella data, infatti, i professionisti del settore hanno l’obbligo di versare tutti gli importi che sono dovuti come tributi delle parti in un conto specifico, così che tali somme non rischino di confondersi con il denaro personale del pubblico ufficiale. Ciò vale, per esempio, per il denaro che viene versato per i vari atti che il notaio autentica o riceve e che sono soggetti a pubblicità commerciale o immobiliare.

Appassionato di Imprese & Lavoro?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it