займ на карту онлайнкредит онлайн рко

Casa & HobbyRSS di categoria

Altre notizie Casa & Hobby

  • Si può vendere una casa donata in maniera sicura?

    notai del nostro Paese domandano un’estensione dei patti di famiglia e maggiore sicurezza per le procedure relative alle donazioni di beni immobili. In tali ambiti, in effetti, si riscontrano ancora criticità che il Consiglio Nazionale del Notariato intende risolvere: proprio per questo motivo ha messo a punto un piano di riforma che potrebbe modificare, anche se solo in misura parziale, lo scenario.

    I problemi relativi alle donazioni di beni immobili

    Per quanto concerne i beni immobili che vengono donati, il Notariato ha posto l’accento sui problemi di circolazione che si possono verificare nel momento in cui un soggetto desidera vendere casa donata, magari dopo molto tempo rispetto alla data della donazione e con il donante che non è ancora deceduto. Il report Dati Statistici Notarili mette in evidenza che nel 2017 nel nostro Paese sono poco più di 135mila le donazioni immobiliari che sono state sottoscritte, vale a dire 4mila in meno rispetto all’anno precedente. Il trend, comunque, non è in calo, perché il primo semestre del 2018 – per esempio – ha messo in mostra un aumento delle donazioni della nuda proprietà di fabbricati del 4% e delle donazioni di fabbricati del 5%.

    La riforma del diritto ereditario

    Per il Consiglio Nazionale del Notariato è arrivato il momento di provvedere a una riforma del diritto ereditario, dal momento che il diritto di famiglia, a partire dalla legge n. 151 del 1975 in avanti, si è evoluto – o, secondo un’altra prospettiva, involuto – in direzione di una multiformità, ma soprattutto di una maggiore instabilità, delle relazioni parentali. Lo dimostrano la registrazione delle convivenze e le unioni civili, ma anche la degiurisdizionalizzazione dei procedimenti di separazione e divorzio e l’introduzione del divorzio breve: sono tutte circostanze che, al di là dei giudizi politici sul merito, richiedono una rivisitazione del diritto ereditario, alla luce dei cambiamenti che stanno interessando l’essenza stessa della famiglia.

    Il progetto di riforma

    Quali sono, allora, i punti fondanti del progetto di riforma che è stato sviluppato dal Consiglio Nazionale del Notariato in relazione alle donazioni di beni immobili? Si comincia con la revisione della qualificazione del diritto alla legittima in qualità di diritto di credito a una parte del patrimonio ereditario – o, per essere più precisi, del suo valore -. Tale diritto può essere assecondato con ogni genere di bene, non per forza ereditario. Una riforma di questo tipo avrebbe il merito di andare oltre le criticità riguardanti la negoziazione di beni ricevuti attraverso una donazione.

    Il divieto dei patti successori

    Il divieto dei patti successori, o almeno di quello rinunciativo, secondo i notai dovrebbe essere messo da parte, come per altro è già avvenuto nel diritto austriaco, in quello tedesco, in quello francese e in quello svizzero. In questa prospettiva, sarebbe opportuno che ai presunti futuri eredi venisse permesso di rinunciare alle proprie attese in relazione a specifici beni appartenenti al coniuge o a un ascendente.

    L’estensione dell’ambito di applicazione del patto di famiglia è un’altra delle richieste che vengono avanzate dai notai, con la prospettiva di favorire la pianificazione concordata dei trasferimenti all’interno della famiglia e di consentire il passaggio generazionale della ricchezza. Il patto di famiglia, infatti, oggi può essere applicato solo per le quote societarie e per le aziende, mentre sarebbe auspicabile che esso coinvolgesse anche beni non produttivi. Inoltre, per i notai è importante che si proceda in direzione di un patto che consenta il coinvolgimento del patrimonio di tutti e due i genitori.

  • Mutui on line, per il 2019 le previsioni sono rosee

    Il 2019 è ancora un anno ottimo per richiedere un mutuo nuovo o per trasferirne uno che già esiste. Dati alla mano, infatti, si può notare come i tassi risultino ancora decisamente vantaggiosi. I siti che si occupano di mutui on line lasciano prevedere una corsa al tasso fisso, anche se c’è da fare i conti con le incertezze che hanno preso vita nelle ultime settimane del 2018, con riferimento in particolare alle variazioni dello spread, a causa delle quali erano stati prefigurati rincari in relazione alle rate. I timori in proposito, ad ogni modo, si sono affievoliti, così come sono spariti quasi del tutto i dubbi che riguardavano l’avvenire dei tassi dei mutui in Italia.

    Quali tassi è lecito attendersi?

    Per ciò che concerne i tassi fissi a 20 anni, è abbastanza facile riuscire a ottenere tra l’1.20% e l’1.50%, mentre con i tassi fissi a 30 anni si oscilla tra l’1.90% e il 2%. Per i mutui online a tasso variabile i numeri sono, ovviamente, ancora più bassi, compresi tra lo 0.40% e lo 0.60%. Non è consigliabile, comunque, azzardare delle previsioni sul lungo periodo, mentre si può essere più certi per le ipotesi a breve e medio termine, che lasciano presagire un immediato avvenire caratterizzato da tassi ridotti, almeno fino all’inizio dell’estate. Nulla vieta poi che una congiuntura così favorevole possa estendersi ancora più a lungo, magari sino alla conclusione del 2019.

    Meglio il tasso fisso o il tasso variabile?

    Una delle classiche domande che si è soliti porsi a proposito dei mutui on line è quella relativa alla scelta tra il tasso fisso e quello variabile. Il primo tende a essere preferito, anche per una questione psicologica: esso, infatti, risulta piuttosto rassicurante e al tempo stesso conveniente, se è vero che è difficile imbattersi in tassi che vanno oltre il 2%. Il 2018 si è concluso con valori prossimi al 90% per ciò che concerne l’erogazione di finanziamenti a tasso fisso, e si tratta di un primato, visto che un dato simile non era mai stato registrato in precedenza. D’altro canto, lo scorso anno non è stato molto stabile, ed è per questo motivo che non avrebbe senso sbilanciarsi più del dovuto.

    Le surroghe

    Quel che è certo è che nel 2018 si è assistito a una riduzione organica del numero di surroghe in relazione ai nuovi mutui, mentre nelle prime settimane del 2019 si è tornati a un livello di richieste paragonabile a quello del passato. Tante sono le ragioni che hanno inciso su questo scenario, a cominciare dalla conclusione programmata del quantitative easing, senza dimenticare l’incremento del costo del denaro che ci si attendeva da parte della Banca Centrale Europea e che invece non si è verificato. Per il momento quasi tutte le operazioni di surroga del mutuo sono state completate, ma per gli esperti il mercato è destinato a rimanere in attivo vista la prolungata convenienza delle sostituzioni.

    La reazione delle banche

    Informandosi sui mutui online, si può scoprire che in diverse circostanze gli istituti di credito sono stati indotti dalle tensioni dovute allo spread a incrementare i tassi fino a 40 centesimi. Proprio questo atteggiamento di difesa che è stato assunto dalle banche ha finito per determinare la differenza del costo dei finanziamenti, più che i valori dei tassi imposti a livello europeo, che in effetti sono stati sottoposti a correttivi di lieve entità. Non si può parlare, comunque, di una situazione di emergenza, anche perché gli aumenti sono stati congelati dalle banche, il che significa che allo stato attuale si può beneficiare di tassi che risultano ancora invitanti. Nel frattempo, si riduce sempre di più la rischiosità del credito, che è correlata a quelli che vengono definiti crediti in sofferenza.

  • Il cassero a perdere: tra i migliori prodotti usati in edilizia

    Il cassero è da sempre uno dei protagonisti principali del cantiere quando parliamo di costruzioni: seguendo i tempi, e quindi le evoluzioni dei materiali e delle esigenze costruttive, ha conosciuto una profonda evoluzione nel tempo, diventando sempre più articolato pur conservando la semplicità della sua funzione.

    Dall’inglese formwork , per cassero a perdere nel campo dell’edilizia e delle costruzioni, si intende quella struttura di contenimento, nella quale attraverso l’uso di appositi strumenti non si fa altro che andare a colare il calcestruzzo, con l’obiettivo di costruire strutture in cemento armato.

    Un nome alternativo del cassero è anche casseforme a perdere e sostanzialmente ci sono 2 tipologie:

    • casseri a perdere
    • in casseri riutilizzabili

    I casseri di calcestruzzo possono essere costituiti da svariati materiali: esempi sono la plastica, l’acciaio, il legno, le resine e diversi altri materiali edilizi.

    L’uso dei casseri a perdere nell’edilizia e il suo successo non sono casuali: vediamo quali sono le caratteristiche e i vantaggi di usare le casseforme per calcestruzzo per fondazioni nelle costruzioni.

    La casseforme e casseratura per fondazioni offrono una maggiore resistenza e rigidità come armatura aggiuntiva, non influendo assolutamente a livello strutturale bensì è complementare.

    Grazie all’uso dei casseri a perdere, con prezzi di pannelli per calcestruzzo di vari tipi ( ad esempio tra i più usati ci sono i pannelli plywood ), si riducono al minimo la quantità di armature aggiuntive e di irrigidimento, portando di fatto anche ad un risparmio economico, in quanto il tutto richiede l’uso di una minore manodopera.

    I pannelli cassero sono disponibili in diversi formati modulari, utili

    Il cassero è da sempre uno dei protagonisti principali del cantiere quando parliamo di costruzioni: seguendo i tempi, e quindi le evoluzioni dei materiali e delle esigenze costruttive, ha conosciuto una profonda evoluzione nel tempo, diventando sempre più articolato pur conservando la semplicità della sua funzione.

    Dall’inglese formwork , per cassero a perdere nel campo dell’edilizia e delle costruzioni, si intende quella struttura di contenimento, nella quale attraverso l’uso di appositi strumenti non si fa altro che andare a colare il calcestruzzo, con l’obiettivo di costruire strutture in cemento armato.

    Un nome alternativo del cassero è anche casseforme a perdere e sostanzialmente ci sono 2 tipologie:

    • casseri a perdere
    • in casseri riutilizzabili

    I casseri di calcestruzzo possono essere costituiti da svariati materiali: esempi sono la plastica, l’acciaio, il legno, le resine e diversi altri materiali edilizi.

    L’uso dei casseri a perdere nell’edilizia e il suo successo non sono casuali: vediamo quali sono le caratteristiche e i vantaggi di usare le casseforme per calcestruzzo per fondazioni nelle costruzioni.

    La casseforme e casseratura per fondazioni offrono una maggiore resistenza e rigidità come armatura aggiuntiva, non influendo assolutamente a livello strutturale bensì è complementare.

    Grazie all’uso dei casseri a perdere, con prezzi di pannelli per calcestruzzo di vari tipi ( ad esempio tra i più usati ci sono i pannelli plywood ), si riducono al minimo la quantità di armature aggiuntive e di irrigidimento, portando di fatto anche ad un risparmio economico, in quanto il tutto richiede l’uso di una minore manodopera.

    I pannelli cassero sono disponibili in diversi formati modulari, utilizzabili al meglio in tutti i progetti e inoltre riducono al minimo gli scarti e i tempi di taglio e adattamento delle dimensioni.

    Il sistema di casseri è composto da fogli nervati in acciaio zincato che, uniti tra di loro, vanno a comporre la casseratura delle fondazioni. Grazie al posizionamento delle nervature, sia in orizzontale che in verticale, la velocità di messa in opera risulta essere migliore.

    Grazie a questa tecnica è possibile realizzare differenti tipi di casseri, sia in termini di materiali utilizzati che di dimensioni. Naturalmente l’uso dei materiali va ad incidere anche sul prezzo dei casseri e dei pannelli per calcestruzzo.

    Altro fattore utile è la facilità di trasporto e stoccaggio delle lastre. Uno dei tanti brevetti di casseforme a perdere in lamiere piena disponibili in commercio sono quelli della linea Flashfond.

    zzabili al meglio in tutti i progetti e inoltre riducono al minimo gli scarti e i tempi di taglio e adattamento delle dimensioni.

    Il sistema di casseri è composto da fogli nervati in acciaio zincato che, uniti tra di loro, vanno a comporre la casseratura delle fondazioni. Grazie al posizionamento delle nervature, sia in orizzontale che in verticale, la velocità di messa in opera risulta essere migliore.

    Grazie a questa tecnica è possibile realizzare differenti tipi di casseri, sia in termini di materiali utilizzati che di dimensioni. Naturalmente l’uso dei materiali va ad incidere anche sul prezzo dei casseri e dei pannelli per calcestruzzo.

    Altro fattore utile è la facilità di trasporto e stoccaggio delle lastre. Uno dei tanti brevetti di casseforme a perdere in lamiere piena disponibili in commercio sono quelli della linea Flashfond.

  • Come usare le candele per decorare il proprio appartamento

    Con l’aiuto delle candele, rendere la propria casa più accogliente e più piacevole è semplice come bere un bicchier d’acqua. Ciò è vero non solo per i locali interni, ma anche per gli ambienti esterni. La candela, infatti, può essere eletta a protagonista del giardino o del cortile, in modo che possa garantire un glam touch da non sottovalutare per le serate da trascorrere in compagnia degli amici. Volendo, si può ipotizzare anche di mixare le candele con i fiori, per un effetto molto romantico. In questo caso, il flower touch si sposa con il candle light design, per un interior decor che dà effetti apprezzabili non solo sotto il profilo estetico, ma anche sul piano olfattivo, con una sinfonia di profumi a cui sarà difficile resistere.

    Il fascino delle candele

    Nel momento in cui si decide di acquistare delle candele personalizzate online si sceglie di ricreare nella propria abitazione un’atmosfera da sogno, che può essere incrementata con l’ausilio di un portacandele. Tra arabeschi e ricami, i fasci luminosi possono assumere molteplici conformazioni: per esempio, è sufficiente ricorrere a un vaso traforato per fare in modo che la luce che viene emanata generi una grande varietà di punti luminescenti. Tale effetto si rivela decisamente speciale in un appartamento dallo stile rustico: quando esso risulta eccessivo, l’impiego di candele contribuisce a renderlo più sfumato e leggero. Una lanterna con un lumino, per esempio, è più che adatta a un muro non concluso, mentre una candela dorata è il contrappunto ideale di una nicchia con i mattoni a vista.

    Le candele in bagno e in cucina

    Tra gli ambienti della casa in cui le candele riescono a trasmettere tutta la propria magia c’è, senza alcun dubbio, il bagno. Che vengano appoggiate sul davanzale o sui bordi della vasca, ma anche sul lavabo, le candele servono a incrementare lo charme della salle de bain. Non c’è bisogno di ricorrere a grandi scorte: anche pochi lumi bastano per rispecchiare e valorizzare il tono del bathroom, a patto di avere l’accortezza di accostare con cura scent e colori. Passando dal bagno alla cucina, il mood di questo locale può essere messo in risalto con una candela a stelo alto, magari sopra un candelabro. Secondo il galateo del table decor, la presenza delle candele è ancora più importante del modo in cui vengono posizionati coltello e forchetta. Quando si deve imbandire una tavola per un’occasione speciale, dunque, c’è bisogno di un punto luce non comune. Il candle design ha il fantastico potere di accrescere l’eleganza di qualsiasi contesto.

    I colori più adatti

    Per uno stile disimpegnato o comunque leggero, il consiglio è quello di affidarsi alle nuance pastello: non è detto che le candele debbano catturare l’attenzione rispetto al resto dell’arredamento. Anzi, il loro compito deve essere soprattutto quello di esaltare i diversi angoli di un appartamento: colori come il verde menta, il carta da zucchero e il rosa cipria sono ciò che ci vuole per un arredamento dal retrogusto bonbon.

    Il calore delle candele

    Infine, è bene tener presente che le candele servono soprattutto a dare calore, in senso metaforico oltre che letterale. Qualunque interior diventa più familiare e più accogliente con l’aggiunta di una candela bianca, o magari con un trittico di candele. Non bisogna certo aspettare le feste di Natale per illuminare la casa: le candele restano in primo luogo degli accessori glam, e in quanto tale meritano di essere scelte per decorare tutti gli spazi. Anche quelli verticali: ecco perché sono perfette se appoggiate sulle mensole. I portacandele e i candelabriche si trovano in commercio sono disponibili in una grande varietà di configurazioni: in estate come in inverno, sono sempre alleati preziosi per l’interior design.

  • Camon, prodotti di qualità per i nostri animali domestici

    Gli animali da compagnia necessitano di molte cure che non riguardano unicamente l’alimentazione, ma anche l’igiene, la salute, il gioco ed il riposo.
    Camon è una ditta che produce una vastissima gamma di articoli per il benessere dei pet, la cui affidabilità è garantita dagli elevati standard qualitativi dei materiali utilizzati, tutti conformi alle normative vigenti.
    Bauzaar, una e-commerce particolarmente fornito e presente in rete, mette a disposizione della sua clientela una vasta selezione di prodotti Camon a prezzi di assoluta convenienza.

    Camon, una ditta produttrice di tutto quello che serve al nostro pet

    Camon realizza una serie di articoli per animali che riguardano vari settori:

    • abbigliamento;
    • cucce e lettini;
    • igiene;
    • accessori;
    • giochi.

    Giochi Camon

    – Prendimi: gioco per gatti
    Si tratta di un divertente gioco per gatti il cui scopo è quelli di stimolare la loro intelligenza; è costituito da un anello con appesi due fili terminanti con vari tipi di sagome. Dopo essere stato posizionato consente all’animale di interagire con le figure che scendono dall’anello. Adatto per esemplari di ogni età, è disponibile ad un prezzo molto conveniente.
    – Palle in lattice
    Queste coloratissime palle da basket, da calcio o da rugby sono realizzate in lattice, un materiale assolutamente sicuro per la salute dell’animale; create con la finalità di far divertire sia cani che gatti, possono venire utilizzate anche a scopi educativi, per attività di riporto.
    – Ossa galleggianti
    Dall’aspetto di un grande osso colorato, questi giochi galleggianti sono stati realizzati per far divertire il cane in acqua e possono venire usati con assoluta tranquillità in quanto costituiti da materiali atossici garantiti; hanno una dimensione standard di 24 centimetri e sono disponibili presso Bauzaar in offerta promozionale.
    – Giochi in spugna per gatti
    Si tratta di deliziose palline bicolori in spugna che nella parte superiore contengono due piume colorate; il gatto può farle rotolare per tutta la casa senza provocare alcun rumore. La confezione contenente due morbide palline ha un prezzo molto economico.
    – Giochi in tessuto
    Sono disponibili due varianti, la prima a forma di topo, particolarmente adatta per gatti che si divertiranno a manipolarlo, e la seconda a forma di palla, indicata anche per cani; realizzati in tessuto di ottima qualità sono disponibili ad un costo assolutamente concorrenziale.

    Accessori Camon

    – Sacchetti per deiezioni
    Indispensabili accessori da portarsi dietro durante la passeggiata del proprio cane, questi pratici sacchetti in plastica nera rappresentano la soluzione ideale per raccogliere le sue deiezioni; la confezione contiene tre rotoli da venti buste ed è in vendita presso Bauzaar.
    – Tappetino autoriscaldante
    Particolarmente indicato durante i mesi invernali, ma anche quando il proprio animale non è in perfette condizioni fisiche, questo innovativo tappetino svolge la funzione di isolare termicamente dalle superfici fredde riflettendo il calore in maniera naturale. Può venire utilizzato sia da solo che all’interno della cuccia. Esternamente è rivestito da un morbido tessuto “sherpa” lavabile anche in lavatrice, ed è completamente sfoderabile. È disponibile in due versioni di 64×49 centimetri e di 90×64 centimetri.
    – Disabituante spray
    Si tratta di un prodotto molto efficace per insegnare al proprio animale domestico ad evitare alcuni comportamenti sbagliati; il suo meccanismo d’azione si basa sul fatto che l’aroma del prodotto allontana il cane (o gatto) dal luogo dove lo spray è stato spruzzato, disabituandolo a determinati comportamenti. Il flacone contiene 300 millilitri di liquido da nebulizzare ed ha un costo molto conveniente.
    – Borsa trasportino
    È un pratico trasportino a forma di borsa per gatti e cani di piccola taglia, ideale per passeggiate all’aperto senza perdere di vista il proprio animale; è disponibile in due varianti cromatiche, rosa ed azzurra, ed ha dimensioni di 42x25x24 centimetri. Molto leggero e resistente, questo prodotto è disponibile, come i precedenti, presso Bauzaar.
    – Ciotola in acciaio
    Questa pratica ciotola in acciaio rivestito in plastica nera decorata con simpatici simboli è dotata di una base antiscivolo ed è disponibile in differenti misure: 11 centimetri che contiene 300 millilitri di cibo e 13 centimetri per 500 millilitri.

  • RISTRUTTURAZIONI: INTERVENTI ORDINARI E STRAORDINARI

    Ancora per qualche mese c’è ancora la possibilità di usufruire di un bonus del 50% per le case da ristrutturare. Questo vale sia per manutenzioni ordinarie che straordinarie e attenzione il bonus è valido solo per i lavori effettuati fino a dicembre 2018. Perché non approfittarne?

    L’idea di ristrutturare casa, per necessità o solo per dare un tocco di novità agli ambienti, è da prendere in considerazione anche solo per aumentare il valore dell’immobile, che può crescere fino al 10% al netto dei costi.

    Non fatevi spaventare, ricordate che ristrutturazione non deve essere per forza un intervento invasivo, esistono due tipi diversi di lavori: quelli ordinari e quelli straordinari.

    La manutenzione ordinaria comprende tutti quei lavori minori con i quali si interviene sugli spazi esistenti. Questi includono tutti gli interventi che non vanno a modificare le strutture esterne o le dimensioni della casa, come ad esempio l’installazione di serramenti, la costruzione o lo spostamento di pareti, il miglioramento degli impianti elettrici. All’esterno dell’abitazione invece, comprendono il rifacimento del tetto o delle facciate, la riparazione di balconi o di pavimentazioni esterne e per questo motivo non richiedono alcuna concessione edilizia dal Comune.

    Quali possono essere i radicali ma facili cambiamenti che danno un nuovo aspetto alla casa? Uno degli interventi più gettonati è la creazione di open space, magari tra cucina e salotto per realizzare un ambiente più grande e accogliente lasciando anche una comoda penisola per la colazione. Oppure reinterpretare la suddivisione dello spazio con nuove pareti in cartongesso che soddisfino il bisogno di privacy e la compartimentalizzazione delle attività quotidiane, come la realizzazione di due stanze indipendenti a partire da una sola quando la famiglia si allarga.

    Per gli amanti del fai-da-te, poi, esistono migliaia di idee per cambiare il volto della propria abitazione con budget molto ridotti. Sono anni che in Italia sta spopolando la moda del vintage, quale occasione migliore se questa per sfruttare i vecchi mobili a nostra disposizione vestendoli di nuova vita? Basterà una nuova mano di vernice, un po’ di fantasia e ristrutturare diventa un gioco da ragazzi.

    Ma se la ristrutturazione ordinaria è un intervento che può essere facilmente gestito da appassionati, al contrario, i lavori di manutenzione straordinaria necessitano di un’autorizzazione edilizia del Comune perché alterano le superfici o il volume dell’immobile. Queste ad esempio includono lavori come: consolidamento della struttura dell’immobile, interventi sulla facciata, creazione di giardini o balconi e in questo caso il consiglio rimane l’affidarsi a degli esperti del settore che possano consigliarvi al meglio le soluzioni ideali per voi.

     

    Ristrutturazioni
  • Per l’erba alta e i piccoli rovi ti ci vuole un tagliaerba professionale

    Capita di dover a che fare con un terreno ampio che per molto tempo non viene curato. Un terreno che magari ha una o più pendenze e che se rasato a dovere rappresenta un piacere per la vista. Per lavoro, per fare un piacere ad un vicino o semplicemente perché ce n’è bisogno, ti trovi nella condizione di attivarti per risolvere. In generale chi ama il giardinaggio, o chi semplicemente ha un prato da sfalciare ha a disposizione un tosaerba, ma ci sono dei casi in cui il tosaerba non può farcela così com’è. C’è bisogno di un tagliaerba professionale.

    La differenza è abbastanza importante rispetto ad un tosaerba che deve, settimanalmente diciamo, ridurre la lunghezza del prato di casa. Siamo di fronte a masse erbose importanti dove una lama si incastra facilmente. Piccoli rovi e piccoli arbusti disintegrerebbero un’attrezzatura non professionale, aggiungiamo anche la necessità di svolgere questo lavoro in piena sicurezza e senza dover faticare trascinando un tagliaerba pesante e non adatto alla pendenza. Le caratteristiche da ricercare per casi del genere sono diverse.

    La lista delle necessità

    • Potenza: superiore a 4 cavalli, l’ideale sono i sei cavalli, erba alta e piccoli arbusti necessitano di potenza di rotazione della lama, importante;
    • Manovrabilità: capacità di spostamento facilitato da un telaio appositamente pensato anche per l’erba alta, come hai potuto notare dal link che ti ho indicato poco sopra, un modello rialzato a tre ruote è l’ideale per l’agilità. Non dimentichiamoci delle ruote in acciaio con doppio cuscinetto a sfera;
    • Autonomia per grandi spazi: Un motore a scoppio con alimentazione tradizionale;
    • Funzione di mulching: va da se che il mulching in questi casi ha la priorità, le masse erbose sono tali che se non si dispone di un’attrezzatura capace di triturare finemente il residuo sfalciato siamo costretti ad ore di lavoro solo per ammassare l’erba tagliata e portarla in discarica;
    • Trazione: un sistema professionale ha bisogno di una mano per compiere il lavoro senza procurarsi dei danni dovuti dall’eccessivo sforzo, meglio se ci sono  più velocità per usi diversi. Ricordiamoci anche che le pendenza sono molto impegnative anche con sistemi leggerissimi;
    • Regolazione altezza di taglio: Terreni con erba alta devono avere la funzione di alzata della scocca del tagliaerba, e diverse posizioni per seguire il lavoro in sicurezza e senza fatica;
    • Larghezza di taglio: una lama ampia supportata da una calotta capiente permette di diminuire le passate. Con 53 cm possiamo affrontare più passate con una resa ottimale.

    Per casi difficili ci vuole un’attrezzatura professionale

    Un tagliaerba professionale ha caratteristiche di resistenza nel tempo. Non dobbiamo dimenticare anche la necessità di un utilizzo intensivo in terreni che potrebbero rivelarsi ostici per la loro conformazione, bisogna mettere in conto la possibilità che si subiscano degli urti anche importanti a cui la scocca deve provvedere. La struttura è quindi necessario sia fatta di un materiale altamente resistente ai sassi ed agli arbusti anche importanti.

    Il taglio in erba alta è possibile se il motore può essere letteralmente sollevato fornendo una stabilità ed un peso perfettamente bilanciato.

    Per assicurare la salute del prato la funzione mulching deve essere di qualità adeguata e questa si raggiunge solo se lo sminuzzamento è tale da poter rifornire il terreno di materiale di piccolissime dimensioni in grado di essere facilmente assorbite.

    Il taglio di un prato meno difficile non rappresenta comunque un problema per un tagliaerba professionale, si otterrà un taglio di tipo rustico.

    Per concludere è il caso di ricordare che quando si sfalcia l’erba meglio indossare i dispositivi di sicurezza passiva. Gli occhiali per proteggere gli occhi, le scarpe con rinforzo in punta e i guanti per non incorrere in pericoli di abrasione della pelle.

    Tagliaerba
  • Servizi di derattizzazione: dove trovare i migliori professionisti

    Capita spesso di insediarsi in uno stabilimento e dover fare i conti da subito con gli infestanti. Sembra quasi che ci aspettino ed invece devi sapere che non appena si produce traffico di persone e merci e prende vita l’attività dell’azienda, attiviamo una serie di segnali che a loro volta attivano, nella zona circostante, piccoli o grandi parassiti alla ricerca di cibo e ricovero.

    La derattizzazione nelle aree di lavoro industriali e commerciali oltre ad essere uno strumento necessario per disfarsi di parassiti, è bene attivarla il prima possibile, e con ciò si intende anche prima dell’inizio dell’attività lavorativa dello stabilimento.

    Uno stabilimento deve essere considerato integro e pulito in tutte le sue parti, negli uffici, nella zona di stoccaggio, di produzione ecc. Occorre includere anche tutte le aree di pertinenza dell’azienda, interne e soprattutto esterne poiché è da lì che provengono ratti e topi, ed in genere qualsiasi infestante.

    Avere un’azienda che operi in modo professionale è determinante per la sua immagine, per la reputazione e per il rischio di sanzioni, anche gravi, da parte degli enti ispettivi. I piani di derattizzazione fanno parte della vita di un’azienda, devono essere considerati come una normale attività di controllo.

    Si trascura spesso l’importanza della reputazione che invece conta più di quanto si pensi. I social network fanno in fretta a comunicare o pubblicare foto sgradevoli sullo stato di pulizia di un’azienda, allontanando potenziali clienti.

    La presenza di parassiti è pericolosa perché rappresenta una seria minaccia per la salute, specie nelle aziende che producono e/o movimentano merce alimentare. I roditori  e gli insetti sono portatori di malattie pericolose come l’Escherichia Coli,  la Salmonella, la Shigella, lo Stafilococco, mettendo la salute di clienti e lavoratori a rischio.

    Come valutare le ditte specializzate per la derattizzazione e disinfestazione

    La derattizzazione e tutte le misure atte a prevenire le infestazioni, devono essere messe in campo da professionisti che sanno attuare nel minor tempo possibile diversi metodi per il controllo biotecnologico, fisico e chimico per arrivare ad un’efficace soluzione di disinfestazione.

    Va da sé che occorre un programma preventivo ed uno di controlli periodici che assicurino la zona di attività, perché prevenire è meglio che curare.

    Nel caso in cui un’azienda abbia fallito nell’attività di prevenzione e presenti segnali di infestazione, occorre passare ad interventi specialistici altamente professionali. E’ importante non fermarsi ad un intervento di tipo shock, ma valutare attentamente le cause e proteggere lo stabilimento con nuove metodologie.

    Una buona ditta agisce in maniera professionale se è in grado di fornire assistenza personalizzata, e con ciò si intende saper valutare le caratteristiche dell’immobile, degli impianti, prendere visione di come si lavora in quello stabilimento ecc..

    Il progetto finale tiene conto di tutte le possibili minacce, persino quelle che possono provenire dall’esterno e che inconsapevolmente si sono trascurate, come l’aver introdotte merce proveniente da altre aziende infestate.

    La conoscenza del parassita è fondamentale: conoscere la biologia, le abitudini, il cibo, e tutto ciò che attiene alle caratteristiche del parassita è fondamentale per debellare infestazioni.

    In tutto ciò bisogna anche che gli interventi e i controlli non siano essi stessi fonte di pericolo ambientale.

    In alcuni casi, infine, la derattizzazione attivata da aziende professionali può essere di tipo ecologico, ossia attuata mediante apparecchiature ad altissima sensibilità che danno modo di attivare immediatamente catture di molte specie di roditori e infestanti, in maniera continuativa e multipla.

    Nei piani di prevenzione e controllo delle aziende alimentari la derattizzazione è una parte essenziale del manuale di igiene che fa capo alla normativa in materia di HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point).

    Derattizazione
  • Ristrutturare casa: i prezzi e i servizi di Instapro.it

    L’utilità del web è riscontrabile praticamente in qualsiasi ambito lavorativo, settore edilizio compreso. Negli ultimi tempi, infatti, si sono moltiplicati i siti capaci di andare incontro alle esigenze del cliente per risolvere pratiche relative alla progettazione, alla costruzione o alla ristrutturazione della propria casa. Non tutti i siti, però, risultano efficienti allo stesso modo, presentando difficoltà nell’utilizzo degli stessi e mancanza di praticità nei servizi offerti. Non è il caso di Instapro.it, piattaforma leader di settore che, in forma totalmente gratuita e libera da impegni, provvede a far si che l’utente entri in contatto con professionisti, artigiani ed imprese di suo interesse.

    La comodità dei servizi online

    Rimanendo in ambito edilizio, per quanto riguarda l’individuazione dei migliori prezzi per la ristrutturazione completa della casa Instapro.it rappresenta senza dubbio la soluzione ideale su cui fare affidamento. Il sito permette infatti di effettuare specifiche richieste di intervento, comparare i preventivi offerti dalle aziende potenzialmente interessate alle operazioni e, infine, individuare l’impresa che si occuperà in via definitiva dell’intervento di ristrutturazione. La grande efficienza del sito deriva dal fatto che tramite esso è possibile individuare le imprese aventi sede nei pressi della propria area di residenza. Attraverso la compilazione del form presente sul sito, infatti, si avrà la possibilità non soltanto di entrare in c
    ontatto con un numero elevato di realtà operanti nel settore, ma anche di eliminare fin da subito le aziende troppo distanti rispetto alla località nella quale andrà effettuato l’intervento.

    Il fine ultimo dei siti di comparazione

    Veniamo ora alla questione che interessa maggiormente gli utenti che si affidano ai siti di comparazione per la ristrutturazione della propria casa: la definizione del prezzo complessivo degli interventi. Molto spesso i clienti che hanno agito in totale autonomia, senza quindi rivolgersi ai servizi online, si sono trovati di fronte ad un problema piuttosto comune in questo settore, ovvero la poca chiarezza in merito ai costi effettivi delle operazioni. Nei siti di comparazione dei preventivi un problema simile non esiste. Le informazioni relative a costi, oneri accessori e tempistiche di intervento sono comunicate in maniera chiara e trasparente, senza lasciare spazio a possibili incomprensioni. Ma attenzione: va specificato che il fine ultimo dei siti di comparazione dei preventivi non è quello di far risparmiare denaro a coloro che si rivolgono
    ai servizi online, quanto piuttosto quello di individuare, sulla base delle proprie possibilità economiche, il partner più adatto per l’intervento edilizio.

    La ricerca dell’impresa migliore

    Grazie ai siti di comparazione la ricerca della migliore impresa edilizia per ristrutturare la propria casa diventa incredibilmente più semplice. Innanzitutto, affidandosi ai servizi online sarà possibile inviare al sito una richiesta di intervento in una zona specifica (ovvero l’area di residenza del cliente richiedente la ristrutturazione). Il portale provvederà quindi a fornire, solitamente entro 24 ore, un elenco di tutte le imprese potenzialmente interessate ad effettuare l’intervento. Nell’elenco, ovviamente, saranno presenti anche i vari preventivi forniti dalle singole aziende, in maniera tale da permettere al cliente di effettuare la miglior scelta possibile. Infine, una volta che il soggetto richiedente avrà preso una decisione definitiva, il sito di comparazione permetterà al cliente e all’azienda prescelta di entrare in contatto per < strong>vie ufficiali, così da dare il via alla progettazione dell’intervento.

  • La ringhiera per la scala moderna è elegante, preziosa e leggera

    Lo stile è l’elemento distintivo che deve permeare ogni singola rifinitura dell’immobile, sia esso ad uso abitativo, professionale o commerciale. L’impronta che attira e distingue, la personalità che si fa materia, il gusto che invade lo spazio e lo rimodula, semplicemente unico, divinamente perfetto.

    Come scegliere al meglio

    Orientarsi nel vasto mondo delle ringhiere per scale moderne, fatto di materiali nobili e tecnologici importanti e molteplici soluzioni di attacco non è semplice, trovarsi a dover gestire sicurezza, praticità e design può rivelarsi più complicato di quanto si fosse ipotizzato. Il primo punto fermo riguarda il lato pratico della ringhiera che per sua natura viene posta a tutela dell’incolumità di chi utilizza le scale, quindi sicurezza in primo piano che strizza l’occhio alla ghiotta occasione di realizzare un manufatto accattivante e bello, il vero punto di forza dell’ambiente al quale viene destinato.
    A seguire occorre avere la visione d’insieme di quello che si va a realizzare, se si tratta di un piccolo monolocale soppalcato o di un loft dalle ampie dimensioni le qualità richieste alla ringhiera cambiano adattandosi alle diverse necessità anche e soprattutto di arredo. L’ambiente ristretto necessita di leggerezza, luminosità e trasparenze, giocare con l’acciaio e il vetro, sempre brillante, aiuta a realizzare l’obiettivo regalando agli interni situazioni costantemente nuove a seconda dell’ora del giorno e della stagione. Il movimento luminoso è un plus di eccezionale rilevanza da non lasciarsi sfuggire.

    Se invece gli spazi sono ampi e verticali la ringhiera per la scala può e deve ambire al ruolo di protagonista assoluta senza dover sottostare a troppe restrizioni. A catturare l’attenzione possono essere preziosi pannelli dorati con sbarre in bronzo e acciaio o rame e acciaio dal gusto ornamentale deciso, oppure a primeggiare possono risultare originali montanti dalle forme più accattivanti come l’inaspettata vela o i più tradizionali cavetti d’acciaio declinati in maniera unica e personale.
    Non resta che aggiungere il corrimano più adeguato, in pendant o a contrasto e decidere quale tipo di attacco dia più slancio e carattere alla ringhiera, sopra o esterno al gradino, a pavimento o su piano inclinato. La tecnologia moderna permette ampi spazi di manovra nei quali la professionalità e l’esperienza del fornitore concorrono nel realizzare la ringhiera moderna più adatta a te.

    La qualità che affascina, il particolare che cattura

    L’individuazione della ditta giusta, in grado di accompagnarti sapientemente attraverso la ricerca della soluzione perfetta, è di fondamentale importanza. L’esperienza, la professionalità e la capacità di realizzazione fanno la differenza fra una buona opera ed una assolutamente speciale.
    Fontanalot shop progetta e realizza strutture moderne e semplici da installare, adatte per uso interno ed esterno, ringhiere resistenti, in acciaio lucido o satinato, adattabili in fase di montaggio sia per altezza che in lunghezza. Paletti a sezione rettangolare vengono collegati a tubi paralleli a sezione quadrata e rifiniti da un corrimano circolare per esaltare e definire lo spazio attorno ad una scala in marmo, legno o pietra, dai toni caldi o più riservati.
    La modernità non si affida solo al carattere lineare o alle trasparenze, l’impronta attuale si definisce anche nei particolari del legno, utilizzabile come corrimano declinato in molte essenze e colori, a seconda dell’ambiente nel quale verrà inserito, e in quelli del metallo nel quale realizzare geometrie, schemi, pannelli decorativi che con i propri intarsi nascondono, modificano e accompagnano da un piano all’altro, facendo il pieno di curiosità ed ammirazione.

    Una sfrenata passione per le sbarre

    Se non si amano i pannelli, o se non si ritengono adatti ad incorniciare la propria scala, la sbarra è lo strumento ideale, duttile e modulabile, che alterna rassicuranti, pulite geometrie ad artistici slanci di fantasia. Qualche ricciolo o intreccio sapiente, piccoli giochi di colore, finanche maglie di metallo, arricciate o lisce, contribuiscono ad impreziosire e sottolineare il carattere e l’originalità dell’intera intelaiatura.
    Alleggerire è sovente la parola d’ordine più indovinata, togliere, minimizzare rende più incisivo il colpo d’occhio ed è qui che occorre focalizzare l’attenzione su pochi ed eleganti particolari in grado di fare la differenza. La scelta del materiale, spesso in contrasto, come azzardare l’immutabile ferro al caldo marmo può essere una mossa insolita ma quanto mai azzeccata. Anche il colore attira sguardi e consensi, contrasti e sfumature, lucido e opaco, brillante e tenue, e torna l’insieme ad essere protagonista.

    E infine la scelta

    Dopo aver sviscerato approfonditamente l’universo delle ringhiere moderne per scale, visionato realizzazioni e fatto un certo numero di progetti, ormai sei pronto per prendere la decisione finale, solo qualche ultimo consiglio tanto per essere sicuri di aver preso in considerazione qualsiasi soluzione possibile per rendere il tuo vano scale un’isola di originale, ispirata, gustosa e raffinata eleganza.

    Se la scala è diritta e si preferisce lo stile minimalista l’ideale sarebbe installare dei faretti nella ringhiera stessa per rendere il tutto inedito e singolare.
    La scala che scende morbidamente dal piano superiore entrando con una voluta nel salone può essere ulteriormente abbellita da una stretta ringhiera in legno verticale o da impalpabili pannelli di vetro sormontati da un corrimano coloratissimo. Nel primo caso è assicurato l’effetto scrigno, che incuriosisce e attira l’attenzione, nel secondo lo stupore provocato dal filo magico in sospensione non smetterà mai di far affiorare un sorriso.

    Approfittare del legno, preferibilmente chiaro, per creare una sorta di calda gabbia multifunzione, ideale per gli ambienti informali e rustici e per dislivelli di piccola entità, oltre a riscaldare l’atmosfera regala deliziosi angoli da decorare a piacere con qualche libro, una piantina o diverse fotografie.
    Se ti piace l’idea della gabbia ma il legno non ti convince, puoi prendere in considerazione la proposta di installare tubi verticali che scorrano dal soffitto fino al pavimento e che, nel rendere sicura la scala, donino l’illusione ottica del galleggiamento.
    Il design e l’eccellenza spesso si nascondono nei piccoli dettagli, sfumature impalpabili che accendono l’entusiasmo. Investi in giochi di luce, materiali semplici e tecniche più raffinate, coccola la tua casa con gusto e fantasia, rendendola più simile a te otterrai il massimo della soddisfazione possibile.

  • Applique da interno, guida a una scelta consapevole

    Le applique da interno rappresentano degli accessori di straordinaria utilità attraverso i quali si ha la possibilità di illuminare una casa, ma anche un ufficio o qualsiasi altro tipo di locale, in modo efficace e versatile. Sul mercato si possono trovare numerosi modelli, ed è proprio questa grande varietà che rischia di rendere la scelta più complicata di quel che si potrebbe immaginare. Per non farsi trovare impreparati, è necessario prima di tutto pensare a come e dove le applique dovranno essere impiegate: si tratta di capire, per esempio, se si userà una applique singola o se si farà ricorso a una serie di due o più elementi. La diffusione della luce non è sempre la stessa in tutte le stanze, e così il flusso luminoso: anche questi sono aspetti da tenere in considerazione prima di acquistare le applique moderne per la casa.

    Le applique da interno

    Nella maggior parte dei casi, le applique da interno classiche sono munite di un paralume e sono destinate a essere collocate su un supporto ad hoc, che quasi sempre è in metallo. La lampadina può avere una base stretta o larga a seconda dei modelli, mentre le collocazioni possibili sono tante: non di rado le applique si trovano in soggiorno, magari a sostegno della luce fornita dai lampadari moderni. In effetti, le applique sono soprattutto delle lampade complementari, che servono a ricreare un’atmosfera ben precisa nei locali in cui sono posizionate: basti pensare alla luce diffusa che viene generata dall’abat-jour.

    Le applique da interno a spot

    Una particolare categoria delle applique da interno va individuata nelle soluzioni a spot, che in genere sono costituite da una uscita luminosa unica, e quindi da una sola lampadina. L’illuminazione che viene garantita da uno spot murale è definita direzionale, e già questo lascia intendere come essa risulti più precisa. A volte può essere presente una parte orientabile, tramite la quale l’illuminazione di un determinato punto della stanza può essere accentuata: si tratta di un accorgimento utile, per esempio, per una scrivania o per un piano di lavoro. Non è raro incontrare tali applique anche in corridoio, dove accompagnano il passaggio in modo decisamente elegante.

    Le applique, come si può intuire, vengono utilizzate anche per illuminare dei punti o degli oggetti particolari: per esempio un poster o un quadro appeso a una parete. Perché il compito possa essere svolto nel migliore dei modi, però, è importante scegliere il tipo di illuminazionecon la massima attenzione, non solo in funzione del design e dello stile del supporto. Non si può dimenticare, per esempio, che i raggi UV nel tempo tendono a causare delle degradazioni e, quindi, a provocare danni consistenti: ecco perché gli esperti raccomandano di preferire il led. Anche in questa circostanza, comunque, alcuni accorgimenti devono essere tenuti ben presenti: la luce, infatti, non deve essere troppo bianca né troppo fredda, o rischia di alterare i colori di ciò che viene illuminato. Non è così rara, poi, l’illuminazione al neon, che permette di distribuire una luce uniforme e dolce su una zona piuttosto vasta.

    Infine, vale la pena di valutare l’ipotesi di ricorrere a una applique murale da comodino, sulla base di una scelta che sta diventando sempre più frequente. Si ha a che fare, in questo caso, con una lampadina doppia: una, più fina, serve per l’illuminazione direzionale, mentre l’altra è finalizzata ad assicurare un’illuminazione decorativa. Insomma, una preziosa alternativa rispetto alle lampade tradizionali, che occupano senza dubbio più spazio.

  • Sostituzione dei serramenti: perché scegliere gli infissi in PVC

    Al giorno d’oggi la sostituzione degli infissi costituisce senz’altro un’operazione complessa perché non è facile scegliere i materiali più adatti da utilizzare.
    Se prima infatti gli infissi era costituiti soprattutto dal legno, oggi la situazione è cambiata poiché sul mercato sono stati introdotti nuovi materiali sicuramente molto validi. Ultimamente uno dei più richiesti per la sostituzione dei serramenti è senza dubbio il PVC, un materiale giovane che viene prediletto per i numerosi vantaggi da cui è caratterizzato.

    Tra i pregi più significativi non può che esserci un costo decisamente inferiore rispetto al legno e all’alluminio: oltre al prezzo più basso del materiale, il PVC permette anche di risparmiare sulle spese di manutenzione perché non ha bisogno di essere riverniciato o ristrutturato come il legno ma basta pulirlo utilizzando una semplice miscela di acqua e sapone (è sconsigliato l’utilizzo di prodotti troppo aggressivi).

    Un altro grande vantaggio degli infissi in PVC è il risparmio energetico poiché esso funge da isolante termico in maniera eccellente, sia durante il periodo invernale che quello estivo. Adoperando questa tipologia di materiale, dunque, non ci sarà bisogno di usare eccessivamente gli impianti di climatizzazione oppure di riscaldamento.
    Anche la grande resistenza agli agenti atmosferici è un tratto caratteristico di tale materiale. Esso infatti resiste alla potenza del vento grazie al suo profilo composto da un’armatura di camere ermetiche con rinforzo in acciaio.
    Oltre a ciò è un materiale ignifugo che non alimenta una fiamma già accesa ma è anche idrorepellente e favorisce l’uscita di eventuali infiltrazioni di acqua in situazioni di forte pioggia. Naturalmente tale resistenza rende il PVC un materiale senz’altro molto longevo e destinato a durare nel tempo.

    Gli altri vantaggi derivati dalla sostituzione degli infissi

    Dati i numerosi vantaggi di cui sono dotati gli infissi in PVC, scegliere di utilizzare tale materiale per la sostituzione dei serramenti della propria casa è indubbiamente una decisione intelligente.

    Naturalmente, dal momento che non ci sono controindicazioni, esso può essere usato in qualsiasi momento per ogni tipologia di abitazione, sia in caso di nuova costruzione che di ristrutturazione.
    In caso di ristrutturazione è possibile ottenere delle detrazioni fiscali che permettono di abbattere ulteriormente i costi.

    Fornendo tutti i documenti necessari che attestano il miglioramento innovativo volto al risparmio energetico, è possibile detrarre sulla dichiarazione dei redditi il 50% dell’importo speso.

    Questo risparmio, unito a quello derivante dalla minor spesa per le bollette, vi farà del tutto convincere che è arrivato il momento di sostituire i vecchi infissi di casa per godere di tutte le migliorie date dalle nuove finestre.

  • Lampadari moderni: ecco come illuminare casa

    Se hai in mente di aggiornare lo stile della sala da pranzo o della camera da letto della tua abitazione, non puoi fare a meno di prendere in considerazione l’importanza dell’illuminazione di questi locali: spesso è sufficiente la scelta del lampadario giusto per garantirti una resa estetica di alta qualità e un impatto visivo piacevole. Sempre più diffuso, in questo senso, è lo stile moderno, con proposte caratterizzate da look innovativi e, per certi versi, futuristici: ciò non vuol dire avere a che fare con installazioni eccessivamente complesse, comunque, anche perché quasi sempre i modelli nuovi vengono forniti già montati e pronti per essere installati. 

    Dove trovare i lampadari migliori

    Love The Sign è il punto di riferimento per chi è in cerca di lampadari eleganti e destinati a durare a lungo nel tempo: qui troverai le luci migliori per la zona notte o per dare vita a un living a effetto. Nel caso in cui tu desideri un’illuminazione multilivello, invece, puoi puntare su spot d’accento e lampade d’ambiente. Insomma, tante tipologie differenti per andare incontro a tutti i gusti, tenendo conto anche della versatilità del soggiorno, un locale che può essere sfruttato per una grande varietà di attività.

    Ecco perché hai bisogno di lampade che rispondano a molteplici funzioni, magari sulla base di uno schema a più livelli: le luci di accento ti possono servire per mettere in risalto alcuni particolari, come un poster, un quadro o una scultura, mentre le luci pensate per l’illuminazione generale sono rappresentate soprattutto dalle lampade da parete e dalle piantane, in virtù delle quali puoi beneficiare di un’illuminazione di sottofondo. In questo scenario non puoi dimenticare, poi, le luci intermedie, che hanno lo scopo di valorizzare una zona un po’ più ampia rispetto a quel che avviene con le luci d’accento, come per esempio una parete intera o una libreria.

    La disposizione dei mobili

    Non puoi dimenticare che l’illuminazione viene condizionata in maniera significativa anche dalla disposizione dei mobili, e non solo perché la predisposizione delle prese elettriche ha conseguenze pratiche non trascurabili. La raccomandazione è quella di optare per una piantana con bracci orientabili per una zona living che includa sia la zona conversazione che la zona pranzo, in modo tale che tra le due aree vi sia una sorta di cerniera luminosa, ma nulla vieta di optare per delle applique, senza escludere la comodità di un lampadario appoggiato sul tavolo da pranzo. Dei faretti scorrevoli installati e supportati da binari sono eccellenti, invece, per le pareti più lunghe, occupate dall’home theatre o dalla libreria: il vantaggio offerto da questa soluzione è che i faretti possono essere orientati come si vuole. Una lampada da tavolo, poi, è perfetta per un tavolino, specialmente nel caso in cui quest’ultimo sia collocato tra due divani disposti ad angolo. Infine, di fianco alla poltrona o alla chaise longue che sono dedicate all’angolo lettura, non va dimenticata una luce ad hoc. 

    Il led

    Come noto, negli ultimi tempi il settore ha risentito in positivo dell’arrivo e della diffusione delle sorgenti luminose a led di recente introduzione, che hanno senza dubbio rivoluzionato il modo in cui la luce artificiale viene vissuta negli ambienti indoor, anche per l’opportunità di modulare e di modificare le tonalità cromatiche. Si parla, tra l’altro, di regolazione della temperatura di colore: così, a seconda del momento della giornata o semplicemente in base all’angolo del soggiorno, si può decidere se avere una luce più o meno calda. L’evolversi della tecnologia, ormai inarrestabile, fa anche in modo che le luci possano essere gestite da smartphone, con situazioni luminose variabili e differenti a seconda che si abbia voglia di leggere, di prendere un caffè con gli amici o semplicemente di rilassarsi.