займ на карту онлайнкредит онлайн рко
Существует масса вариантов получить деньги от мфо, разумеется, только в том случае, когда вам одобрили займ. Естественно, что самым популярным является займ на карту. Но часто можно увидеть, как клиенты выбирают займы на киви, так как у такого рода электронных кошельков есть ряд преимуществ перед классическими вариантами получения суммы микрозайма.

CostumeRSS di categoria

Altre notizie Costume

  • Qual è lo zaino per la scuola migliore per il tuo bambino?

    Il tuo bambino sta per esordire nel mondo della scuola e deve essere preparato di tutto punto per affrontare questo debutto, un passo importante nel suo percorso di crescita. Ecco perché è importante che tu gli metta a disposizione uno zaino comodo e pratico, che soddisfi tutte le sue esigenze e al tempo stesso gli permetta di sentirsi a proprio agio. Naturalmente sul mercato ci sono numerose tipologie di zaino scuola, differenti a seconda dell’età degli studenti e delle studentesse a cui sono destinati: ti conviene imparare a conoscerli da vicino per valutarne le caratteristiche più importanti.

    Il peso dello zaino

    Uno degli aspetti a cui devi badare in previsione di un acquisto è quello relativo al peso dello zaino, e in particolare al suo peso massimo. Ancora prima di pensare agli accessori, alla capienza, ai disegni, ai colori, ai personaggi dei cartoni animati, alle cerniere e alle tasche, è fondamentale che tu ti concentri sul peso, perché di certo non avrai voglia di vedere il tuo cucciolo con la schiena completamente inarcata sin dal primo giorno di scuola. Se l’avventura inizia all’insegna della fatica, è normale che il bambino faccia i capricci e non abbia voglia di andare in classe: non puoi fare a meno, dunque, di scegliere un modello che assicuri gli standard di comfort più elevati.

    Di solito uno zaino classico, e cioè contraddistinto da una capienza attorno ai 25 litri, pesa più di 400 grammi, ma non dovrebbe superare il chilo. Diverso è il discorso nel caso in cui tu decide di puntare su uno zaino trolley, che pesa almeno il doppio: più o meno 2 chili, ovviamente ipotizzando che esso sia stato svuotato in tutte le sue parti interne. Certo, devi tener presente che lo zaino tradizionale è concepito per essere portato in spalla, mentre il trolley può essere trascinato e quindi presuppone un impegno fisico minore.

    Come evitare di affaticare il bambino

    Gli esperti del settore ritengono che il peso che un bambino può portare sulle spalle non dovrebbe superare il 15% del suo peso corporeo. Se, per esempio, tuo figlio pesa 30 chili, il 15% di 30 è 4.5 chili. Ti potrebbe sembrare una soglia alta e impossibile da raggiungere, ma tieni conto che nel corso dell’anno scolastico all’interno dello zaino potrebbe finire di tutto: non solo i quaderni più leggeri, ma anche i libri più pesanti, e magari i giochi di società, il flauto per le ore di musica, l’astuccio con i pennarelli e i pastelli, e così via. In effetti, nella maggior parte dei casi uno zaino di un bambino di una scuola elementare supera – e non di poco – la soglia del 15%.

    Perché gli zaini pesano così tanto?

    Si potrebbe dare la colpa al peso della cultura, nel senso che i quadernoni ad anelli e i vari sussidiari, oltre a essere ingombranti, non sono così leggeri come si potrebbe immaginare. Il rischio è che già da piccolo il tuo bambino si ritrovi alle prese con problemi di postura che, crescendo, si porterà dietro e che potrebbero perfino peggiorare. I rimedi che si possono trovare sono molteplici, anche senza essere costretti a ricorrere allo zaino trolley: per esempio, con gli altri genitori potresti trovare un accordo con i maestri per limitare al minimo il numero di libri da portare ogni giorno.

    Come scegliere lo zaino più adatto

    Al di là del peso, ci sono altri fattori che dovrebbero indirizzare la tua scelta in vista dell’acquisto di uno zaino, a cominciare dalla qualità dei materiali. Il consiglio è quello di affidarsi ai marchi più noti, perché non ha senso puntare sul risparmio per poi ritrovarsi già dopo poco tempo con tessuti sfilacciati o cerniere incastrate. Sarebbe meglio, inoltre, optare per un modello dotato di uno schienale ergonomico e rinforzato, ma sono da apprezzare anche le bretelle imbottite, che evitano danni alle spalle.

  • Le curiosità più interessanti sugli occhiali da sole

    Nell’era di Instagram e dei selfie pubblicati a ogni pie’ sospinto, gli occhiali da sole sono diventati accessori di cui non si può fare a meno, importanti almeno come gli occhiali da vista. Dal giovane studente al manager rampante, dalla mamma più tradizionalista alla fashion blogger attenta alle tendenze, gli occhiali da sole vengono apprezzati da tutti, oltre che per la loro comodità, per l’impatto estetico che hanno e per la loro capacità di rivoluzionare il look e l’outfit di chi li inforca. Sia nella stagione estiva che nel resto dell’anno le lenti scure si rivelano compagne di viaggio preziose e alleate imprescindibili: ma qual è la loro storia?

    Le origini degli occhiali da sole

    Non tutti sanno che gli occhiali da sole hanno una lunga storia alle spalle: anche se ora sono simbolo di modernità sempre al passo con i tempi, le loro origini risalgono niente meno che all’epoca degli Inuit, che pare siano stati il primo popolo a creare degli occhiali da sole. Si trattava – curiosamente – di montature che erano prive di lenti e che erano realizzate in legno o addirittura con ossa di animali: esse venivano adoperate per evitare che gli occhi fossero colpiti dal riverbero proveniente dai ghiacci, e lasciavano una visuale stretta grazie a una fessura ad hoc.

    Ai tempi dei Romani, invece, nacquero i primi esempi di lenti da sole: si sa, per esempio, che Nerone era solito impiegarle per vedere i gladiatori in azione. Le lenti erano realizzate in smeraldo: il colore della pietra, che subiva un trattamento specifico, era ritenuto rilassante per la vista, ma era anche ottimo per correggere i difetti della miopia.

    La storia delle lenti colorate

    Non sono recenti neppure le lenti colorate, a cui si ricorre per schermare i raggi del sole. Pare che esse siano state create nei primi anni del Novecento dall’azienda che sarebbe diventata l’attuale Rayban: si chiamava Bausch & Lomb ed era impegnata nella realizzazione di modelli che servivano a proteggere gli occhi dei piloti. Per arrivare ai primi occhiali da sole destinati a usi civili è necessario attendere fino al 1929, per merito della Sam Foster.

    Gli occhiali da sole oggi

    A 90 anni di distanza, gli occhiali da sole abbinano finalità pratiche a peculiarità prettamente estetiche. Si stima che in tutto il mondo vengano vendute cinque paia di occhiali da sole ogni dieci secondi, e un ruolo importante in tal senso è quello svolto dallo shopping su Internet. Volendo acquistare degli occhiali da sole online, ci si può affidare all’e-commerce di Ottica Mazzoleni, che è specializzato nella vendita dei modelli delle marche più importanti del settore, con un ricco e variegato catalogo che include tutti i brand di maggior prestigio.

    L’importanza degli occhiali da sole

    Al di là della moda, però, non si deve dimenticare il valore pratico degli occhiali da sole, tenendo presente che gli occhi hanno bisogno di essere protetti rispetto ai cambi di luce a cui possono andare incontro. Per la guida, gli esperti consigliano di puntare sugli occhiali da sole polarizzati, che sono muniti di un filtro per effetto del quale la luce che proviene da una certa direzione non può arrivare agli occhi. Le lenti polarizzate contrastano l’irradiazione orizzontale, e fanno sì che la luce che viene riflessa dalla strada non abbagli i conducenti dei veicoli quando piove o nevica.

    Vero è che da qualche tempo gli occhiali da sole sono anche e soprattutto icone di stile: basti pensare a personaggi come James Dean e Bob Dylan, che hanno contribuito alla diffusione dei Rayban, ma anche a Andy Warhol. Perfino James Bond, nei film di 007, non sa rinunciare agli occhiali da sole quando si mette alla guida.

  • Ecco i cinque grappoli pugliesi

    Cinque Grappoli rappresentano il più importante riconoscimento che viene attribuito dalla celebre Guida Bibenda. L’evento di premiazione ogni anno è un momento decisamente atteso in Puglia, anche per la sua natura celebrativa e promozionale: si tratta dell’appuntamento con il quale viene premiata la produzione di vini della regione. La Guida Bibenda, d’altro canto, è un vero e proprio punto di riferimento nel settore, come dimostrano i circa 25mila vini che sono stati recensiti nel corso della sua storia. I Cinque Grappoli vengono attribuiti agli operatori del settore che hanno avuto la capacità di distinguersi e, in un certo senso, contribuiscono a scrivere – anche se in piccolo – la storia d’Italia, magari con uno sguardo verso il resto del mondo. Nel complesso il massimo riconoscimento è stato assegnato a 27 vini e a 26 aziende: un numero alquanto interessante, anche perché superiore a quello della precedente edizione.

    La premiazione

    La cerimonia di premiazione, in scena presso Borgo Egnazia il 16 febbraio, è stata moderata dalla giornalista Monica Caradonna. Massimo Billetto, celebre redattore della Guida Bibenda e insegnante di Fondazione Italiana Sommelier, è stato impegnato nella degustazione dei vini pugliesi di più alta qualità, mentre lo chef Domingo Schingaro ha messo a punto un piatto dedicato ai vini premiati con I Cinque Grappoli. Al di là della consegna del riconoscimento, comunque, l’iniziativa è stata anche un’occasione di confronto tra i vari produttori intervenuti in sala e il settore ella comunicazione.

    Il valore della comunicazione

    Ormai da diverso tempo, uno degli ambiti in cui si deve lavorare di più è proprio quello comunicativo: si tratta, cioè, di impegnarsi nella promozione e nella valorizzazione dei vini, in un perenne oscillare tra il passato e il futuro. Essi, infatti, da un lato fanno parte della storia della regione, ma dall’altro lato simboleggiano il futuro ddel territorio. Quello attuato da Fondazione Italiana Sommelier Puglia è un investimento di grande rilievo, una mission di enorme significato. I produttori si espongono in prima persona per illustrare non solo i punti di forza, ma anche le problematiche del settore.

    Chi è stato premiato

    riconoscimenti sono stati assegnati a leone de castris, Cantele, Tenute Al Bano Carrisi, Tormaresca, Candido, Rivera, Trullo di Pezza, Schola Sarmenti, Tenute Rubino, Cantine Risveglio, Masca del Tacco, Cantine Due Palme, Masseria Li Veli, Vespa Vignaioli per Passione già Futura 14, Gianfranco Fino, Morella, Petra Nevara, Centovignali, Cosimo Taurino, Feudi di Guagnano, Polvanera, d’Arapri, Conti Zecca, Carvinea, Albea e Severino Garofano. Bibenda 2019 corrisponde alla ventunesima edizione della guida che viene realizzata a cura della Fis, la Fondazione Italiana Sommelier di Franco Ricci. In questa edizione, si può notare una celebrazione del cambiamento e del miglioramento del vino italiano: se nel 1999, in occasione della prima edizione, le cantine presenti erano poco più di 700 e i vini premiati non superavano i 160, oggi sono oltre 600 i vini che si vedono attribuiti i cinque grappoli, mentre il numero di aziende ha sfondato quota 2mila. Ciò vuol dire, molto semplicemente, che la qualità del contesto produttivo è cresciuta in tutto il territorio italiano, inclusa la Puglia.

    La Puglia al centro

    Per merito dei produttori pugliesi è possibile affrontare il futuro del settore con aspettative alte, per far sì che la regione diventi sempre più importante in questo settore. La premiazione diventa anche un modo per confrontarsi, mentre pochi privilegiati appassionati hanno avuto modo di entrare in contatto con 27 vini di assoluto valore.

  • Abbigliamento donna, le tendenze per il prossimo inverno

    Che cosa ci si deve aspettare dal prossimo inverno in tema di moda femminile? La prima buona notizia per le amanti dei colori è che il guardaroba nero è stato messo al bando, lasciando il posto a tonalità appariscenti e accese: via libera, dunque, al verde, al viola, all’arancione e al giallo. Le pellicce ecologiche, i cappotti in alpaca, l’ecofur e il parka rientrano nei trend più apprezzati, mentre tra le fantasie si assiste alla costante transizione di tessuti maschili che si trasformano in femminili: è il caso del Principe di Galles, giusto per citare un esempio tra i tanti. Il ritorno in auge delle maxi spalle, sulla scia degli anni ’80, forse non è sinonimo di buon gusto, ma è comunque uno strappo alla regola in un contesto improntato all’eleganza.

    La pelliccia ecologica

    Gli stilisti stanno concentrando la propria attenzione sulle pellicce ecologiche, che al di là delle implicazioni etiche hanno anche obiettivi commerciali da non sottovalutare: si tratta, infatti, di capi che si rivolgono a un pubblico più nutrito rispetto a quello che potrebbe apprezzare le pellicce tradizionali. I montoni e i cappotti teddy continuano, comunque, a essere considerati dei must have, e lo stesso si può dire per i modelli in alpaca.

    Quali sono i capispalla migliori?

    Il piumino è una delle proposte che vale la pena di considerare per proteggersi dalle basse temperature in maniera adeguata. Non si tratta più unicamente di un capo di abbigliamento tecnico, ma di un indumento che è anche lifestyle: la dimostrazione si ritrova nella varietà di colori e di tessuti che caratterizza i nuovi modelli. Un altro trend che non passa inosservato è quello dei bomber, che si affianca alla moda dei parka. A tal proposito, sono interessanti i parka bomber, veri e propri ibridi che sono nati dall’ingegno di Antonio Berardi e che sono stati disegnati per Mr & Mrs Italy. Per chi non conoscesse questo brand, si tratta di un marchio rinomato proprio per il carattere esclusivo dei suoi parka, ma che propone anche piumini e bomber, oltre ai capi di abbigliamento per lo sci.

    Le stole imbottite

    Proseguendo nella rassegna di curiosità che caratterizzeranno la moda delle prossime settimane, ecco le stole imbottite, un accessorio che consente di integrare in modo perfetto qualsiasi look: tanto avvolgenti quanto morbide, possono essere annodate al collo garantendo il massimo del comfort e, al tempo stesso, un look cool, sia di giorno che di sera. Le fantasie che domineranno le vetrine nei mesi a venire sono quelle a quadretti. La moda donna accoglie sempre più di frequente il Principe di Galles e il ceck, tessuti maschili per antonomasia.

    Gli accessori

    Cliccando su https://www.ovs.it/abbigliamento-donna, si trova un ricco catalogo di accessori adatti a valorizzare ogni look femminile. Gli stivali texani coniugano praticità e grinta, ma sono soprattutto le borse ecofur ad attirare l’attenzione. Rispettose dell’ambiente e dei trend fashion, dovrebbero essere dotate di tracolla e avere dimensioni medie. Rimanendo in tema di borse, non si può fare a meno di citare lo spallaccio di Fendi che è destinato ad essere applicato alla tracolla: lo si può considerare come un passo in avanti rispetto alla strap you che consente di rinnovare il look della borsa.

    Tornando agli stivali texani, la proposta più avvincente è quella dei modelli in pelle martellata, ma sono molteplici le versioni in cui vengono declinati questi boots, tra stampe cocco e tonalità cromatiche vistose. Degni di nota gli stivali in satin, che al di là del loro particolare aspetto hanno il pregio di poter essere abbinati a un outfit classico senza stonare o risultare fuori luogo.

  • Profumo Francesca dell’Oro

    Il profumo ha soprattutto la funzione di creare piacevoli sensazioni olfattive, di generare un senso di benessere e manifestare le proprie emozioni. Il profumo Francesca Dell’Oro, frutto di una passione coltivata fin da bambina, riconducono all’identità interiore e rivelano gli stati d’animo più reconditi.

    Dopo la Laurea in Comunicazione presso l’Università IULM di Milano, Francesca ha lavorato per diverse aziende di moda, occupandosi della grafica e del lancio di prodotti.

    Il suo debutto nel mondo dei profumi risale al 2011, quando ha deciso di inserire sul mercato nuove fragranze da accostare alle collezioni moda. Ad oggi la sua linea di fragranze è una delle più apprezzate del settore.

    Colori e odori magistralmente combinati

    La creazione di un profumo nasce dal desiderio di creare nuovi accordi, nuove forme olfattive, combinando negli odori tutte le sensazioni percepite fino a trovare la nota ideale, proprio come fa un musicista con la musica o un pittore con i pennelli.

    Colori e odori passano per il naso che incomincia a immaginare come combinare le materie prime, che sprigionano evocazioni e sensazioni spesso contrastanti e che vanno ricercate nel quotidiano per tradurlo poi in fragranze uniche.

    Il risultatoè una fragranza frutto di un lungo percorso che parte da materie prime e ingredienti, che sorprende per la sua familiarità e coinvolge tutti i sensi e che passa attraverso un percorso creativo che attinge alle esperienze del passato.

    Anche nel packaging il profumo manifesta la sua originalità e creatività: l’iconico flacone scolpito nel cristallo non è una semplice bottiglia, ma una gemma bifronte sfaccettata con disegni geometrici sul davanti, mentre sul retro si presenta levigata e morbida.

    Il flacone è lo scrigno ideale per contenere pregiate essenze preservate con cura da un tappo nero in zama. I flaconi in vetro catturano la luce e la diffondono creando dei riflessi sorprendenti e questa boccetta dal gusto retrò ma al tempo stesso di gusto contemporaneo rivela l’anima della donna moderna, colta ed emancipata.

    Ad ogni donna il suo profumo

    L’identità di un profumo spazia in diversi ambiti, dal carattere alle sensazioni, e si adatta perfinoalle situazioni che si vivono ogni giorno: una serata speciale, un look elegante, un’occasione casual sono occasioni diverse da rendere uniche anche con un profumo diverso.

    Ogni donna, dunque, può scegliere il profumo che più rispecchia il suo carattere, la sua personalità, ma anche i sentimenti più profondi dell’animo. Una fragranza come Ambrosine, ad esempio, avvolgente e preziosa, rivela una donna dal carattere forte ma dal dolce sorriso, che riesce a conservare il candore e l’ingenuità di chi si sa ancora stupire.

    La fragranza accompagna la sua pelle con una morbida carezza. Un’autentica esplosione floreale è invece Fleurdenya, fragranza che manifesta un’eleganza consapevole e sublime, dal fascino vintage.

    In questo profumo le note sono chiare e non sussurrate ed è un vero e proprio mix esplosivo di fiori narcotici, mitigati dal bergamotto e dal legno di palissandro: il profumo è stato creato per colei che èconsapevole del suo sex appeal e utilizza una fragranza per essere riconosciuta.

    Sorprendentemente sensuale è il nuovissimo Voile Confit,un profumo dalle note persistenti e durevoli regalate dal Patchouli, dal Sandalo e dal Vetiver, e la dolcezza del caramello e delle bacche sapientemente combinati con una miscela di legni preziosi.

    Intrigante e discreta è la fragranza Rubia Sucrèe, indicata per la donna che ama sedurre senza rinunciare alla propria raffinatezza. Il profumo rivela abbinamenti decisi che vanno dall’odore delle ziste di limone alle foglie di fico ai fiori di zenzero fresco e mandarino, per culminare nella dolcezza del gelsomino, della mandorla, della vaniglia e dei legni preziosi.

  • Nenette vendita online: quali sono i migliori abiti da acquistare?

    Nenette è un brand italiano di abbigliamento femminile, attento alla cura dei minimi dettagli nel processo di confezionamento. Il logo si caratterizza per gli accessori e i ricami che arricchiscono ogni capo, rendendolo unico e inconfondibile.

    L’azienda veste ogni donna che è costantemente attenta agli ultimissimi trend, è consapevole della propria femminilità e ama distinguersi dalla massa: gusto e ricerca qualitativa dei materiali, dei ricami e degli accessori sono i fattori distintivi di questo brand.

    Ecco i migliori abiti da acquistare su Nenette vendita on line.

    Per una donna audace: Abito Lungo con Volants Aronne

    L’abito lungo con volants Aronne è assolutamente adatto per le donne audaci, determinate e sensuali che ricercano un capo di abbigliamento che risalti la loro silhouette: le balze arricchiscono il capo rendendolo elegante e romantico.

    Adatto in ogni occasione sia per gli eventi speciali (cerimonie) che per un cocktail party, questo abito lungo con volants in fantasia floreale è smanicato, ha un girocollo, è definito nel punto vita con inserto in raso, gonna in fantasia con volants e ha una chiusura con cerniera laterale a scomparsa. Inoltre, presenta il logo del brand sulla parte laterale dell’abito. Tessuto: 100% poliestere.

    È ideale per essere indossato da giovanissime eleganti e raffinate, ma anche dalle donne più mature che cercano di distinguersi dalla massa, indossando un vestito che risalti il punto vita.

    L’abito Aronne può essere abbinato ad un sandalo flat gioiello in pelle colore nero o ad un sandalo con tacco in vernice nero.

    Per una donna pratica: Abito Lungo con Volants Azelio

    Per la donna che adora la praticità, ma al contempo ama distinguersi dalla massa, l’abito lungo Nenette Azelio con plissettatura è uno smanicato con applicazione di ricamo su spallina, girocollo in raso, apertura a goccia su fronte e nel retro con bottoncini, definito nel punto vita con inserto in raso, chiusura laterale con cerniera.

    Disponibile nella tonalità attesa nel rosa/rosso, quest’abito è realizzato in 100% poliestere con fodera in viscosa, è abbinabile con un sandalo gioiello con tacco o con una ballerina in ecopelle colorata in rosso.

    Veramente “delicato” ed estivo il motivo floreale che caratterizza la stampa dell’abito Azelio: è indicato per essere abbinato a borse in paglia con fiori applicati (in rosso o in bianco) o a tote bag in pelle saffiano color rosso o a shopping bag in bianco.

    La versatilità e la comodità dell’abito Azelio consentono ad ogni donna di esprimere il proprio modo di imporsi e di distinguersi nella quotidianità. Essendo un abito con plissettatura e con volants, è adatto alle femme con una silhouette assolutamente longilinea e di statura medio-alta.

    Per una donna “stellare”: Abito trapezio stampa costellazioni Aurelia

    Per una donna “cosmica” e “stellare” che adora essere al centro dell’”Universo” femminile, l’abito Aurelia è realizzato in crepe di viscosa stampato, scollo a V, maniche spacchi e polsino arricciato profilati di tessuto in contrasto colore, sottoveste con spalline regolabili in abbinamento.

    Il colore dominante dell’abito è la tonalità del black, ma fanno da contrasto le costellazioni, i sistemi stellari e i pianeti che si distinguono per le tonalità cromatiche del fucsia, azzurro, bianco, arancio, etc.

    Molto particolari sono le maniche “a sbuffo” con apertura laterale e dettagli cuciti nella tonalità del rosa accesso.

    Nella sua semplicità, l’abito è adatto ad ogni donna che adora essere femminile e vuole risaltare il suo stile urban e lineare. Si adatta ad essere abbinato ad un sandalo nero open toe in vernice con plateau e tacco vertiginoso o ad un sandalo flat in ecopelle con dettagli “gioiello” in argento.

    L’outfit può essere completato con una borsa in ecopelle da portare a mano o a tracolla a seconda delle esigenze, con dettagli in metallo.

  • I bracciali Swarovski protagonisti immancabili nel guardaroba di ogni donna

    Quando si parla di accessori nell’abbigliamento femminile si pensa sempre a qualcosa che luccica. Una scintilla che appare al collo, che proviene dai lobi dell’orecchio oppure dal polso mentre camminiamo. Tutti modi di celebrare la femminilità che sanno ben interpretare tutti i bracciali swarovski.

    Le mode vanno e vengono ma i bracciali Swarovski non sono destinati ad essere sorpassati poiché hanno un preciso compito ed è quello di evidenziare la sensibilità di una donna. Si tratta di un accento che si aggiunge a qualsiasi stile indossato perché è in grado di valorizzarlo.

    Le tendenze interpretate dai bracciali Swarovski riguardano i colori, le grandezze ma non l’effetto che impreziosisce, ecco perché sono presenti in ogni portagioie di qualsiasi donna, ed ecco anche perché ogni polso di donna ne vuole uno suo che si adatti bene.

    Non tutti i bracciali sono uguali, alcuni valorizzano un abito, mentre altri lo completano, quando si sceglie un bracciale Swarovsky è più facile chiudere gli occhi e immaginare un polso che sprigiona piccole scintille luminosissime.

    Quella scintilla sembra appartenere alla persona e spesso si ha la sensazione che, oltre dal polso, provenga anche dagli occhi.

    L’originalità al polso esprime personalità

    Una donna che sceglie un bracciale Swarovski lo fa perché vuole esprimere un tratto della sua personalità. Oltre a ciò intende anche affermare la sua unicità che deriva dalla bellezza propria ma anche dal suo modo interiore di percepire, utilizzando il filtro tipico di ogni donna, quello della sensibilità.

    Per questo motivo ci si mette un po’ per decidere a quale modello affidare una parte di sé. Non si tratta solo di impreziosire il polso, o carpire il giusto abbinamento allo stile, si va un po’ oltre. E’ il fascino dell’originalità e del proprio modo di essere.

    Chi per la prima volta approccia al mondo dei bracciali Swarovski farebbe bene a prendere in considerazione disegni semplici e puliti, ciò è opportuno non solo perché così si fa più l’occhio ad un accessorio così bello, ma anche perché sarà più semplice da indossare e portare in più circostanze. Ciò che si desidera è avere piccolissimi punti luminosi, quasi impercettibili, il giusto senza esasperare il concetto. Rimanere sul sobrio è sempre una scelta apprezzata.

    Essere belle molto spesso dipende dal sentirsi belle, una donna che si valorizza, sprizza luce, è sicura della sua figura e sorride con naturalezza. Anche questo può fare un bracciale Svarovski, e non è poco.

    Nelle passerelle di tutto il mondo il polso scintilla sempre

    E’ un fatto che sulle passerelle d’alta moda, ma anche del prêt-à-porter, non si indossino più solo i vestiti interpretati secondo i canoni della moda. Spesso gli stilisti aggiungono punti di luce alle modelle proprio con i bracciali Swarovski per renderle più preziose e con ciò donare all’abito quell’aria sensazionale che lo rende irresistibile. E’ un trucco che ci dà uno spunto su come valorizzare un outfit.

    Oggi non si può più scindere la funzione di un accessorio come il bracciale dall’abito che si indossa. I due vanno portati insieme e intonati secondo linee di colore e forma più adeguata. A ben vedere i polsi delle donne più importanti della storia, hanno sempre avuto il bracciale a valorizzarle.

    Sono i gioielli a parlare di noi, ad esprimere il mondo a cui apparteniamo, è un’esigenza che ci spinge a considerare i bracciali come una seconda pelle. Quale indossare e per quale occasione è un istinto di donna, la cosa importante è avere la possibilità di scelta tra modelli differenti, perché si sa la donna ha bisogno di rinnovarsi sempre.

    Swarovski
  • Scarpe estate 2018: tutte le tendenze da non perdere e i modelli must-have

    Quando si parla di moda e tendenze, un posto privilegiato è occupato senza dubbio dal comparto accessori, in particolare dalle calzature, indispensabili per completare al meglio ogni look: la scelta dunque dev’essere fatta con attenzione, cercando di coniugare uno stile al passo con le tendenze di stagione ai più elevati standard qualitativi.

    La scarpa giusta infatti non dev’essere solo bella, ma anche comoda e adattarsi non solo all’abito che si indossa, ma anche alle esigenze delle nostre estremità.

    Ogni situazione poi ha la sua scarpa, così come ogni look deve avere una sua calzatura privilegiata: ad ogni cambio di stagione stilisti e brand propongono nuovi bellissimi modelli di calzature che vanno a completare gli outfit che vediamo sfilare in passerella, fino ad arrivare a noi attraverso negozi e shop online.

    Proprio come il brand Pittarello, da sempre all’avanguardia nel settore della calzatura e garanzia di stile e qualità, che anche per l’estate 2018 ha proposto i suoi modelli cult.

    Ecco allora quali sono le tendenze di stagione in fatto di calzature e i modelli imperdibili da avere nella scarpiera o da acquistare subito.

    Scarpe estate 2018: dal sandalo alle sneakers, i modelli imperdibili

    Partiamo da quella che è considerata la calzatura regina di ogni stagione estiva, ovvero il sandalo.

    Per l’estate 2018 sono stati proposti tantissimi modelli di sandali, sia caratterizzati da un tacco medio-basso, anche sottile – come le celebri calzature “kitten heel”, sinonimo di sobrietà ed eleganza – sia con il classico tacco alto e sottile.

    Non mancano però sandali con il tacco più importante, spesso anche declinati nella versione “open toe”, perfetti per chi ama una calzatura glamour, ma che regga meglio il peso corporeo distribuendolo su tutto l’arco plantare, conferendo un maggiore comfort alla calzatura.

    Su pittarello.com ad esempio, tra le scarpe dell’estate 2018 ci sono gli imperdibili e super colorati da indossare per essere super glamour.

    Tante anche le varianti di colore e di stampe: si passa dai sandali con listini sottili dal sapore minimal a quelli con intrecci preziosi e applicazioni di Swarovski per le serate più eleganti e per gli outfit più formali, perfetti anche per le cerimonie estive.

    Al secondo posto, tra le calzature più utilizzate dell’estate 2018 ci sono senza dubbio le zeppe: comode, pratiche, spesso colorate con stampe fantasia, anche a righe o pois – dal sapore fifties – le zeppe quest’anno spopolano in abbinamento a romantiche gonne a ruota o freschi chemisier.

    Molto quotate tra le calzature estive, troviamo poi le espadrillas che, quest’anno, tornano a conquistare un posto d’onore tra le calzature più belle. Si passa dai modelli classici con suola in corda e tomaia monocolore ai modelli con doppia o tripla suola, per regalare centimetri in più a chi le indossa, con tomaie anche coloratissime, con stampe floreali o in stile navy.

    Non mancano naturalmente nell’estate 2018 calzature più comode: si passa dalle classiche infradito, anche in versione gioiello per gli aperitivi in riva al mare, alle ciabattine in versione metropolitana, pratiche e super comode, da indossare anche una volta tornate in città.

    Immancabili poi in ogni stagione, anche in quella più calda, le intramontabili sneakers, esempio tipico di calzatura passepartout comoda e pratica, capace di adattarsi con tantissimi look differenti.

    Quest’estate le sneakers vestono i nostri piedi di glamour e ci conquistano con modelli differenti: dalle classiche sneakers bianche in versione minimal, perfette per il giorno, a quelle più ricercate, glitterate e in rainbow style per le mise più ricercate ed eclettiche, da osare anche con gli abitini da sera in total black, per regalargli una marcia in più.

    Scarpe da donna
  • Anfibi militari, una passione senza confini!

    Le calzature militari, o meglio conosciute come anfibi, sono consideratiaccessori “modello” che tuti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo indossato per diletto in una fase della nostra vita o per lavoro durante il corso di leva. Si tratta di un articolo essenziale e funzionale per diversi utilizzi, che può essere scelto in diverse varianti ma con un design immutato nel tempo. L’unica alternativa opzionabile è il colore, a scelta fra tonalità camouflage, bianca, nera beige.

    La fama di queste calzature è a livello mondiale: tutti sanno come sono fatti un paio di anfibi militari che si contraddistinguono dal resto delle calzature per il loro lookmassiccio e imponente.

    Quello che molta gente ignora, però, è che gli anfibi militari possono anche essere abbinati con indumenti casual, come un blu jeans o una giacca di pelle nera, donando alla persona un look dinamico e deciso. Attualmente, in commercio ci sono moltissimi produttori impegnati nella ricerca di materiali e tessuti sempre più performanti, utili alla realizzazione di anfibi militari che siano in grado di affrontare qualsiasi difficoltà e asperità del terreno. Questi produttori lavorano su specifica commissione dei vari eserciti mondiali, costruendo accessori e vestiario militare ad-hoc,la cui vendita poi viene affidata a circuiti appositi tramite rivenditori autorizzati, come Manhattan Military shop (www.manhattan-militaryshop.com).

    Le tendenze del futuro

    L’impegno che queste grandi aziende hanno deciso di apportare al mondo delle calzature militari ben testimonia l’orientamento nel futuro: brevettare anfibi militari sempre più innovativi e dotati di un alto grado di confort e resistenza allo stesso tempo. Perciò, non più considerati come un “oggetto di culto” indossabile quotidianamente, ma soprattutto calzature capaci di superare anche le difficoltà più inaspettate grazie alla loro versatilità. Ad esempio, durante la stagione estiva è necessario un tipo di scarpa che lasci traspirare gli arti inferiori dal caldo eccessivo e che non sia pesante per non sprecare energie a vuoto.

    In questi casi, Manhattan propone gli anfibi militari Cosmas mod. “Tuscania”, realizzati in collaborazione con il 1°RGT Carabinieri Paracadutisti, perfetti per i climi torridi, per aviolanci e attività operative. Scarpe realizzate osservando scupolosamente le regole vigenti in materia di sicurezza militare e destinate esclusivamente per il settore del paracadutismo. Infatti, l’altezza da terra è di circa 23 cm e il design bombato ai lati con imbottiture anti-shock permette alle caviglie di tenere una posizione dritta, evitando traumi e distorsioni al momento dell’impatto con il terreno.

    Il materiale di fabbricazione è altamente resistente e garantisce una perfetta integrità contro le perforazioni, mentre la suola è stata progettata appositamente per assicurare la massima stabilità anche sui terreni più impervi (mescola in Vibram, che resiste anche ad alte temperature e ad idrocarburi). La nota positiva riguarda il peso: una leggerezza senza paragoni che permettono un utilizzo intensivo di questi anfibi militari durante la stagione estiva e non solo.

    Anfibi militari estivi o invernali?

    Il modo più giusto per scegliere gli scarponi militari è affidarsi arivenditori autorizzati come Manhattan Military shop. Il servizio di assistenza clienti potrà fornirvi molte delucidazioni utili per un acquisto mirato, ma sarete voi a scegliere l’articolo adatto alla vostra mansione o hobby preferito. Se non dovete affrontare le grandi vette innevate delle Alpi, sarebbe opportuno optare per un paio di anfibi militari realizzati con tessuto tecnico o fior di pelle idrorepellente, con zone in cordura e nylon per consentire al piedi di “respirare” e una suola Vibram dentellata anti-scivolo per una durabilità e un confort nelle situazioni più estreme

    Anfibi
  • Come scegliere le shopper personalizzate in base alla propria attività

    Una tendenza, quella delle shopper personalizzate, che gradualmente sta negli ultimi anni vivendo una vera e propria esplosione. Sia da un punto di vista pubblicitario sia da un punto di vista legato prettamente al marketing, fare uso di un qualsivoglia gadget personalizzato potrebbe rivelarsi nella maggior parte dei casi una scelta vincente, soprattutto se si intende promuovere un prodotto o una azienda che ancora stenta a decollare, magari per via di una attività appena intrapresa.
     

    Come si può evincere dalle espressioni pregne si soddisfazione di un cliente che riscuote qualcosa gratuitamente, ogni persona apprezza e gode nel ricevere oggetti per il solo merito di essere clienti abituali oppure occasionali di un negozio o di una attività generica.
    Se poi il gadget in considerazione è anche originale, allora il grado di soddisfazione del cliente aumenta in maniera senz'altro esponenziale.

    Se un cliente possiede la shopper personalizzata di un qualsivoglia negozio, per un periodo di tempo che non si limita ad un lasso relativamente limitato, è ovvio che questo continuerà ad effettuare acquisti all'interno dello stesso.
    Ovviamente, esistono diverse tipologie di shopper personalizzate. Che siano fabbricate in carta, in plastica o in materiale completamente biodegradabile, ognuna di loro possiede prerogative differenti alle altre.
     

    Quelle che presentano un costo minore sono senza ombra di dubbio alcuna quelle in carta. Una economicità, quella di questa tipologia di shopper, capace di soddisfare a pieno le esigenze di un’attività commerciale che, per numero di clienti, necessita di un numero di shopper considerevole.
    Essendo fabbricata in carta, questo tipo di shopper si adatta perfettamente ad essere personalizzata con loghi di qualsiasi dimensione o colore.

    Per gli amanti della natura e per chi fa del rispetto dell'ambiente non un particolare do secondaria importanza, le shopper biodegradabili costituiscono la scelta migliore, a scapito tuttavia di un grado di personalizzazione che certamente risulterà minore. Solitamente, vista la loro biodegradabilità, il materiale stesso di queste shopper rappresenta la scelta di ,marketing ideale per una azienda che fa del rispetto per la natura molto più di un connotato marginale.

    E le shopper di plastica? Opzione valevole per chi esige invece una personalizzazione grafica del tutto particolare. In questo caso, la durevolezza temporale sarà maggiore, grazie ad una resistenza ed una elasticità che le altre due varianti non possiedono.

    Per saperne di più e richiedere un preventivo per le shopper personalizzate, visitate il sito www.atomoplast.it e riceverete tutte le informazioni e dei consigli preziosi utili a realizzare al meglio il prodotto che state cercando.

  • Qual è l’abbigliamento bambino migliore per il mare?

    Quando ci si dedica agli acquisti per il mare, non si può fare a meno di pensare a come dovremo vestire i nostri figli. Più i bambini sono piccoli e più è necessario prestare attenzione alla loro pelle, sensibile e delicata, per evitare che si irriti o – peggio ancora – sia esposta a scottature e possibili ustioni. A tal proposito, non c’è niente di più appropriato dei costumi da bagno anti-UV, che al di là del design curato che li contraddistingue sono dotati di un tessuto tecnico che assicura la migliore protezione che si possa desiderare. I costumi devono essere scelti in modo tale che possano essere indossati con la massima facilità, messi e sfilati in maniera pratica; i migliori sono quelli capaci di resistere al cloro e al tempo stesso traspiranti.

    Le porzioni di pelle che sono coperte con i costumi – o con altri tipi di indumenti – anti-UV non hanno bisogno di creme solari, proprio perché sono già al sicuro. Che si tratti di costumini interi per le bambine o di slippini per i bambini, essi vanno indossati non solo quando i piccoli sono sulla sabbia o sugli scogli, ma anche quando sono in mare. Insomma, prima, dopo e durante il bagno. E non ci si deve preoccupare del fatto che essi restino umidi una volta che i piccoli sono usciti dall’acqua: se vogliamo, possiamo comunque cambiarli e sostituirli con costumini asciutti, ma in ogni caso è bene sapere che si asciugano molto velocemente, garantendo la protezione dai raggi del sole anche se sono bagnati.

    I cappellini

    Nel novero degli indumenti per bambini per il mare come quelli proposti da MC2 Saint Barth è bene ricordarsi anche degli accessori, e in particolare dei cappellini: i più adatti sono quelli a tesa larga, che permettono di coprire non solo il volto, ma anche le orecchie e, soprattutto, una zona che nella maggior parte dei casi viene trascurata, vale a dire la parte posteriore del collo, che non a caso spesso si scotta o diventa rossa. I cappellini in questione hanno il pregio di poter essere tenuti in testa anche mentre i bambini sono in acqua e si fanno il bagno, perché – proprio come i costumi – si asciugano nel giro di breve tempo. Essi sono realizzati in microfibra di poliestere o in lycra, a seconda dei casi: è consigliabile bagnarli anche quando i piccoli sono in spiaggia, all’ombra o al sole, così che la loro testa possa essere tenuta al fresco.

    Come proteggere i piccoli dal sole

    Gli indumenti con protezione UV non includono solo i costumi da bagno e i cappellini, ma anche – per esempio – le t-shirt: si tratta di capi che sono in grado di filtrare fino al 97% dei raggi del sole dannosi, ed è proprio per questo motivo che assicurano una protezione costante ed efficace. I materiali e i tessuti con cui sono realizzati sono più che confortevoli, e ogni dettaglio è studiato per rispondere alle esigenze di pelli delicate come quelle dei bambini. Tanto la microfibra di poliestere quanto la lycra, infatti, sono lisce, mentre le cuciture fastidiose tipiche delle etichette ormai sono state rimpiazzate da stampe interne che non creano alcun tipo di disagio. Anche con i vestiti anti-UV, comunque, i bambini dovrebbero evitare di stare al sole nelle ore più calde.

  • Perché scegliere un orologio Armani

    Con il suo stile impossibile da confondere, un orologio Armani è un accessorio di cui nessun uomo di classe può fare a meno: elegante e funzionale, è perfetto per esprimere la propria personalità senza arroganza, ma con la decisione che si addice all’uomo moderno che non disdegna di impreziosire la propria quotidianità con un assaggio di ricercatezza che gli consente di non passare inosservato. Con gli orologi Armani dallo stile di vita contemporaneo si beneficia del mix ideale tra attenzione verso il passato e sguardo rivolto al futuro: un mix che non ha a che fare unicamente con le linee del design, ma che riguarda anche la scelta dei materiali, tutti in grado di offrire i più alti standard di qualità e di rivelarsi resistenti nel corso del tempo.

    Le caratteristiche degli orologi Armani

    Un orologio Armani conserva in sé l’eredità della tradizione manifatturiera di un marchio che ha contribuito a scrivere la storia del nostro Paese nell’ultimo secolo, non solo nel mondo della moda ma in tutto il contesto culturale; ma, al tempo stesso, un accessorio del genere è sinonimo di avanguardia, in virtù di meccanismi ad alto tasso tecnologico. Gli orologi del brand Armani sono destinati a tutti coloro che vogliono coniugare la propria anima cosmopolita con uno spirito giovane, e non giovanile: sono perfetti per chi ritiene che ogni singolo istante del proprio tempo ha un valore fondamentale, e per questo motivo deve essere investito nel migliore dei modi.

    Gli orologi di Armani servono, ovviamente, a scandire tutti gli impegni della vita quotidiana, ma meritano di essere indossati soprattutto in occasione delle ricorrenze più importanti, per rivelarsi fedeli compagni dei momenti più significativi della vita di ogni persona. L’assortimento di proposte a disposizione rende la scelta impegnativa e piacevole al tempo stesso: si può decidere se optare per dei modelli dallo stile classico o per delle soluzioni più sportive. Che si punti su un evergreen o su un orologio messo in commercio da poco, c’è un denominatore comune a tutti i modelli: la tecnologia più avanzata che impreziosisce ogni meccanismo.

    I materiali

    Numerose sono le opportunità di scelta anche dal punto di vista dei materiali: si spazia, infatti, dai modelli in gomma a quelli in caucciù, passando per i tradizionali orologi in acciaio. Un esempio di bellezza e di funzionalità può essere individuato in Emporio Armani AR1421, un orologio da polso che si fa apprezzare per il suo design estremamente raffinato ma anche per l’essenzialità delle sue forme. Pensato per un uomo che non ha esitazioni e sa sempre in che modo comportarsi in tutte le circostanze in cui è coinvolto, è dotato di un quadrante in ceramica che si intona alla perfezione con le tonalità scure che lo contraddistinguono. Dal punto di vista delle prestazioni, spiccano la precisione del movimento al quarzo tipicamente giapponese e la capacità di resistere sotto l’acqua fino a una profondità di 50 metri.

    Lo stile di Armani

    In quanto a stile, il marchio Armani non è secondo a nessuno, e lo si può notare anche dando uno sguardo al ricco assortimento di proposte disponibili per gli orologi da uomo. La presenza del logo del brand all’altezza delle ore 12 sul quadrante è, per molti modelli, un elemento distintivo a cui non si può rinunciare, mentre il ricorso a numeri molto elaborati e in bella evidenza è tipico di chi non ha paura di ostentare e di mettere in risalto la propria personalità.

  • Borse da donna, i trend dell’estate 2018

    Le borse a mano sono destinate a diventare a pieno titolo le protagoniste dell’estate 2018 nel mondo della moda: di classe e iconiche, si presentano come accessori a cui è impossibile resistere, eventualmente in versione a tracolla, in tanti formati differenti pensati per assecondare ogni tipo di esigenza. Da Tommy Hilfiger, per esempio, giunge un modello color rosa cipria o nero caratterizzato dal fiocco iconico con i colori del marchio. Le nuance pastello contraddistinguono, invece, la borsa di Aldo, mentre il nero e il rosa tornano a fare capolino grazie al modello di Even & Odd, tanto confortevole quanto robusto. Furla Like, a sua volta, è disponibile in bianco e nero o in rosa glicine, ma è bene ricordare anche il color ghiaccio decisamente elegante del modello 3Jours mini di Fendi e la silhouette quasi spigolosa del modello Miller di Tori Burch, realizzato in tela.

    I secchielli

    Non solo borse a mano, comunque: anche i secchielli sono destinati a un ruolo da protagonista nell’estate che inizierà tra poche settimane, in modo particolare per le situazioni beachwear, almeno a giudicare da ciò che sostengono gli esperti. Tanti i materiali tra i quali è possibile scegliere, dalla paglia alla pelle, passando per il cuoio, senza dimenticare una soluzione a dir poco originale – almeno quando si parla di abbigliamento – come il pvc. Il ricco caleidoscopio di soluzioni a disposizione include colori e formati differenti, su cui svetta il modello Jane Birkin, una borsa di paglia che non passa inosservata. Il colore prescelto da Chanel per la sua borsa secchiello estiva è, invece, il bianco, mentre sono bicolor le proposte di Kayu e di Jacquemus. Chi punta su Emporio Armani, infine, ha la fortuna di sfoggiare un secchiello con i lacci, richiudibile, di colore rosa.

    Le pochette

    Contrassegnate dal giglio borse e pochette realizzate a Firenze sono garanti dell’eccellenza del Made in Italy. E proprio le pochette rappresentano, in effetti, un sinonimo di stravaganza e di estro, frutto della fantasia dei designer che le hanno create: per rendersene conto è sufficiente dare uno sguardo al modello pop di Jimmy Choo, che abbina il glitter alla colorazione oro, mentre grazie a Saint Laurent si può contare su una soluzione monogrammata e glassy, in varie tinte. Total black è la scelta del modello di Chanel con frange. Per le serate estive in compagnia degli amici o trascorse a scatenarsi in discoteca, probabilmente non c’è niente di più adatto delle applique di tante nuance diverse del modello di Only, mentre per le cerimonie e le occasioni più eleganti il consiglio è quello di puntare sulla pochette di Asos, che comunque offre anche una borsa in tela per le feste in spiaggia, con i fenicotteri stampati a ricordare le meraviglie della natura. Decisamente più glamour i cristalli che appaiono sul modello di Gucci Totem.

    Gli zaini

    Anche gli zaini meritano una menzione particolare, complice il ritorno in auge che ha caratterizzato gli anni più recenti e che continua ancora oggi. Chanel si fa notare per i suoi modelli in nylon dal prezzo non proprio abbordabile, ma non mancano soluzioni più casual e easy. D’altro canto in spiaggia si ha bisogno di semplicità e praticità, anche se non la pensa così Chiara Ferragni, che per i suoi Flirting ha scelto un glitter argentato che balza subito all’occhio.